404 Not Found

Not Found

The requested URL /track was not found on this server.

You are here:   Home Film
Film

Love for an Idiot / La gatta giapponese (1967)

love_for_an_idiot_0Commedia dai toni amari che riprende lo scontro tra tradizione e occidentalizzazione nel Giappone industrializzato per trasferirlo alla relazione tra un salaryman maturo e una giovane moga (contrazione di "modern girl"). Masumura Yasuzo prende nuovamente spunto da Tanizaki Junichiro, privilegiando in questo caso toni scanzonati, e mette in scena un'ossessione amorosa che passa dalla dominazione alla sottomissione in un concentrato di colori, suoni e movenze sixties.

 

Make Up (Taiwan, 2011)

make_up_0Thriller psicologico e istinti mélo si incontrano in un complesso rimando di simboli in cui amore e morte, perdita e ricordo, passione e abbandono si rincorrono fino a confondersi. Make Up costruisce la tensione intorno al mistero di un suicidio, ma indaga territori limitrofi che coincidono con il desiderio e l'accettazione sociale. Pur squilibrato, e debitore di un finale infelice, rimane un esordio interessante che rimane ai confini del cinema di genere.

 

Bear It (Taiwan, 2011)

bear_it_0Con toni surreali caramellosi e fiabeschi, Cheng Fen-fen, giovane regista taiwanese già conosciuta per l'altalenante Keeping Watch (2007) e soprattutto il dolce Hear Me (2009), inscena un atipico on the road emotivo in cui una guida paradossalmente non abituata ai contatti umani deve per la prima volta rapportarsi a viaggiatori in carne e ossa.

 

Irezumi (1966)

irezumi_0Da uno dei primissimi racconti di Tanizaki Junichiro (Il tatuaggio/Shisei, 1909), Masumura Yasuzo trae un film fibrillante e spietato, immerso in un simbolismo morboso, pregno di una violenza non solo fisica nel descrivere i rapporti di forza tra le classi e i sessi. Irezumi indaga gli sconfinamenti che si instaurano tra l'atto di possedere e l'essere posseduto, tra pulsioni predatorie e annullamento nella sottomissione, trasformando l'oggetto del desiderio - la donna nella sua incarnazione demoniaca, come da fantasia maschile - in un soggetto autonomo di vendetta. Tra erotismo soffuso e sangue, un'opera ambigua, squilibrata, affascinante.

 

Lustful Man, A (1961)

lustful_man_0Masumura Yasuzo - precursore della nouvelle vague giapponese dallo stile fiammeggiante - presenta spesso figure marginali che scardinano individualmente le regole costituite, più per necessità che per scelta consapevole. A Lustful Man è una commedia in costume dall'incedere sostenuto ed episodico che segue le disavventure amorose di un Candide donnaiolo impenitente, innamorato della vita, e quindi delle donne. Critica arguta e ironica della società gerarchica e grettamente materialista, il film si scaglia contro la casta dei samurai, la religione, i mercanti abbienti e i proletari arresisi alla povertà, ovvero l'insieme della società, rea di una mercificazione del piacere e della spiritualità che rende l'esistenza tetra, plumbea, priva di gioia. La soluzione è un edonismo ridanciano e sbarazzino, basato però sul principio di solidarietà e innocenza: il protagonista ha amato e concupito centinaia di donne, ma con ciascuna rimane onesto, fino alla testardaggine, tanto che la parata di conquiste si trasforma in un inno alla liberazione della donna dai fardelli sociali più opprimenti.

 

Pietà (2012)

pieta_0Nell'esplorare le strade di redenzione e vendetta, sempre intimamente legate al dolore e alla violenza, Kim Ki-duk torna a un cinema viscerale che resetta il vicolo cieco del manierismo simbolico di Dream (2008) e guarda invece a quell'intersezione malsana tra l'illuminazione spirituale di La samaritana (2003) e la disperazione frastornante di Bad Guy (2001). Dopo la crisi personale e artistica, durata alcuni anni, e dopo il ritorno sulle scene con l'intimo Arirang, premiato nella sezione Un Certain Regard di Cannes nel 2011, Kim Ki-duk vince il Leone d'Oro a Venezia con un film lontano dalle sue vette passate, ma di nuovo consapevole delle proprie virtù affabulatorie.

 

Inseparable (2011)

inseparable_0Inseparable è il primo film di produzione cinese a presentare nel cast una star hollywoodiana, Kevin Spacey, prima ancora del Christian Bale in The Flowers of War di Zhang Yimou (2011) – già di per sé un segno del mutamento dei tempi. Lo è ancor di più se si pensa che il film appartiene a un genere, le commedie sofisticate con aspetti fantastici (e presenza di supereroi!), poco praticato nella Repubblica Popolare. È merito di Eng Dayyan, cinese cosmopolita, originario di Taiwan che ha studiato a Washington, il riuscire ad amalgamare i diversi elementi, costruendo una storia ritmata, che non punta tutto sui colpi di scena (di fatto la realtà è chiarita prima della metà), ma parte da essi per sviluppare le relazioni tra i personaggi. A emergere è così la palpabile alchimia tra Kevin Spacey e Daniel Wu, il cui sguardo impenetrabile ben si incastra con la gigioneria trascinante dell'attore statunitense.

 

Celestial Kingdom (2011)

celestial_kingdom_0Celestial Kingdom richiede molta dedizione da parte del suo pubblico, non è un film immediato né semplice, ci vuole una certa predisposizione d'animo per affrontarlo senza venirne schiacciati. Ma se si riesce a entrare nell'ottica estrema con cui è girato, allora restituisce un'immagine incredibilmente vivida e abbacinante della Cina rurale, in particolare delle regioni del nord/nord est del paese, con paesaggi sterminati e spettrali fatti di montagne di pietra e polvere, con la sua povertà, con le sue città arroccate nel grigiore e con il suo lascito di tradizioni ataviche che si trascinano anche nella contemporaneità.

 

Seisaku's Wife (1965)

seisakus_wife_0Melodramma raffinato ispirato a una novella di Yoshida Genjiro, autore di inizio Novecento quasi per niente tradotto in occidente. In un bianco e nero spietato, Masumura Yasuzo segue l'insolita passione tra una donna perduta e il giovane prediletto di una piccola comunità rurale. L'impostazione classica, dominata dalla colonna sonora sontuosa e dai toni tragici, non impedisce affondi in un lirismo traboccante sensualità decadente. Le esasperazioni tipiche del genere, tenute sotto controllo dai dialoghi essenziali pennellati da Kaneto Shindo, si fondono al ritratto vivido della malignità intrinseca in un villaggio isolato, preda di dicerie e malelingue. Seisaku's Wife è un viaggio intenso nelle derive dell'amore costretto alla marginalità, fino a rasentare la follia.

 

Kisses (1957)

kisses_0Dopo l'esordio nel 1956 di Nakahira Ko con Crazed Fruit/La stagione del sole, nel 1957 è il turno di Masumura Yasuzo, che porta una tempestuosa ventata nuova nell'angusta formula delle storie giovanili tradizionali. E il cinema giapponese non sarà più lo stesso: la strada è aperta per gli Imamura Shohei, Oshima Nagisa, Yoshida Yoshishige, Shinoda Masahiro - che in una manciata di anni rivoluzionano tematicamente e tecnicamente le modalità di messa in scena e di rappresentazione del Giappone in quella "noberu bagu" che ha segnato un punto di rottura insopprimibile rispetto al passato. Kisses è una solare commedia romantica girata con stile sfrontato e un'impellenza tracimante, in grado di sovvertire le basi della tristezza pauperista del secondo dopoguerra in una urgente sete di vita e amore che, già di per sé, è in contrasto con l'immobilismo imperante.

 

Lethal Hostage (2012)

lethal_hostage_0Sotto l'ala protettiva di Ning Hao, qui produttore, il secondo lungometraggio di Cheng Er dopo l'elaborato Unfinished Girl (2007) è una nuova rilettura del cinema di genere dallo stile raffinato. Intersecando piani temporali e spaziali, Lethal Hostage frammenta un'apparentemente semplice storia di criminali e poliziotti in un dedalo di rimandi dal sapore nostalgico e dalle tonalità cupe, che non ha paura di mescolare inquadrature ricercate con spasmi di violenza primordiale.

 


Page 7 of 43
Share on facebook