403 Forbidden

Forbidden

You don't have permission to access /track on this server.

Additionally, a 403 Forbidden error was encountered while trying to use an ErrorDocument to handle the request.

You are here:   Home Film
Film

Sukiyaki (2011)

sukiyaki_0Capodanno è l'unico momento dell'anno in cui i detenuti di un carcere assaporano il cibo che hanno scelto di mangiare. I cinque inquilini della cella in cui finisce Kenta hanno istituito una tradizione: alla vigilia dell'anno nuovo si raccontano reciprocamente storie delle loro vite precedenti legate a piatti indimenticabili.

 

For Love's Sake / Ai to Makoto (2012)

for_loves_sake_0Tratto dal manga Ai to Makoto di Kajiwara Ikki, l’autore di L’Uomo Tigre, e Nagayasu Takumi, già trasposto al cinema negli anni '70, l’ultimo film di Miike inizia, e finisce, in forma di anime. È il prologo della vicenda, ambientato in una pista da sci, che vede il primo incontro dei due protagonisti, da bambini. Ai, che si è persa, viene salvata da Makoto. Da subito un’enunciazione delle due coordinate su cui si muoverà il film: il sangue che sgorga dalla fronte di lui, le macchie di rosso che imbrattano il candore della scena tra le nevi, e il divario sociale: Makoto rinfaccia ad Ai di vivere in una grande villa. Passano 11 anni, Miike torna in live action, e tutto è pronto perché i due, ormai adolescenti, si reincontrino. Siamo nel 1972, nel pieno boom economico del Sol Levante.

 

Nightmare Detective 2 (2008)

nightmare_detective_2_0Torna Kagenuma Kyoichi, il Nightmare Detecive, personaggio caro a Tsukamoto Shinya, che da anni, se non decenni, pensava a questa figura di investigatore dell’incubo, nata, come afferma lo stesso regista, dalle paure e dagli incubi che lo tormentavano nell’infanzia. Nightmare Detective 2 si apre con il terribile incubo che ricorre nella mente di Kagenuma Kyoichi, un incubo che ha come protagonista sua madre, suicidatasi ormai malata di mente quando lui era appena un bambino.

 

Pain / Pained (2011)

pain_0Lui, Nam-soon, non prova dolore fisico e recupera crediti, lei, Dong-hyeon, è malata di emofilia e piena di debiti. Tragedie del passato e del presente per due vite condannate all'infelicità che riescono, nell'amore, a ritrovare un barlume di senso dell'esistenza. Forse effimero.

 

Silenced (2011)

silenced_0L'idealista Kang In-ho si appresta a insegnare in una scuola per sordomuti nella provincia di Gwangju, ma le sue aspettative si infrangono di fronte a una drammatica realtà di maltrattamenti e brutalità. Dapprima timoroso di intervenire di fronte a ciò che vede, Kang trova il coraggio di agire nel momento in cui scopre verità ancor più orribili su quel che succede negli uffici del preside della scuola.

 

Thermae Romae (2012)

thermae_romae_0La trasposizione del peculiare manga di Yamazaki Mari, presentata in anteprima mondiale al Far East Film Festival di Udine, è una commedia disinibita e sbarazzina che nella sua formulaicità dichiaratamente commerciale riesce a strappare più di una risata. Takeuchi Hideki, già regista della serie tv e dei lungometraggi di Nodame Cantabile e della mini di Densha Otoko, mescola con divertita gigioneria richiami all'impero romano e moderne tecnologie dei bagni giapponesi, in una commistione bizzarra e inusuale. I difetti sono evidenti, primo su tutti una certa inesportabilità del prodotto, ma nel complesso Thermae Romae rimane uno spiazzante esempio di dislocamento culturale.

 

Woodsman and the Rain, The (2012)

woodsman_and_the_rain_0La tranquilla routine del silenzioso boscaiolo Katsu viene turbata da una troupe cinematografica, che necessita del suo aiuto per girare nella foresta un horror a basso costo. Dapprima diffidente, quindi curioso e infine totalmente coinvolto, Katsu scoprirà un'inaspettata propensione per il cinema, dedicandosi anima e corpo alla riuscita del bizzarro progetto.

 

Nightmare Detective (2006)

nightmare_detective_1_0Costante del cinema di Tsukamoto Shinya è il sublime connubio tra metallo, carne e sangue. Si tratta di elementi ben evidenti sin dall’opera che diede a Tsukamoto grande richiamo internazionale, quel Tetsuo (1989) che rappresenta a buon diritto uno dei capolavori del cinema indipendente e alternativo giapponese. Questa costante ritorna con successo nell’ambizioso Nightmare Detective, film noir che entra, letteralmente, nei meandri della mente umana.

 

Happy Life, The (2007)

happy_life_0Le vite difficili, economicamente e a livello matrimoniale, di Gi-yeong, Seong-wook e Hyeok-su sono sconvolte dall'improvvisa scomparsa di Sang-woo, leader della rock band giovanile che un tempo li univa. Gi-yeong, come posseduto, vuole riformare la band, a dispetto dell'anacronismo rispetto all'età che avanza. Dopo aver convinto i suoi soci, gli Active Volcano ritornano sulle scene, riscuotendo un sorprendente successo.

 

Hard Romanticker (2011)

hard_romanticker_0Un'ode alla violenza da strada che unisce la furia nichilista di Outrage (Kitano Takeshi, 2010) alla sfrontata patina cool dei giovani teppisti stile Crows Zero (Miike Takashi, 2007). Gu Su-yeon, giapponese di origini coreane, imbastisce uno scontro permanente a partire da un suo libro semi-autobiografico: sotto le apparenze di ritratto della gioventù deragliata contemporanea nasconde un attacco alla staticità di un sistema sociale che nega l'individualismo e le differenze interne, puntando all'appiattimento alle regole precostituite. I figli di immigrati coreani - già indagati nelle varianti giovanilistiche in film come Go (Yukisada Isao, 2001) o We Shall Overcome Someday/Break Through!/Pacchigi! (Izutsu Kazuyuki, 2004) - si fanno di nuovo protagonisti, in una spirale discendente di rifiuto della sottomissione e del comune denominatore comunitario.

 

Leafie - A Hen into the Wild / Leafie - La storia di un amore (2011)

leafie_0Leafie rappresenta a oggi il più grande incasso per l'animazione coreana: dopo il successo di My Beautiful Girl Mari (Lee Seong-gang, 2002) o Wonderful Days (Kim Moon-saeng, 2003), e l'eclettico umorismo di Aachi and Ssipack (Jo Beom-jin, 2006), è la dimostrazione che anche produzioni locali di paesi senza una grande tradizione nell'animazione possono arrivare a competere a livello internazionale - si veda ad esempio anche il malese Seafood (Goh Aun Hoe, 2011) - arrivando a essere distribuiti persino nella lontana provincia italiana. Storia di maternità e crescita tratta da un libro per l'infanzia di Hwang Seon-mi, l'esordio nel lungometraggio di Oh Seong-yoon è dolce, caparbio e dalla narrazione solida, nonostante i toni eccessivamente melodrammatici di alcuni passaggi.

 


Page 9 of 44
Share on facebook