404 Not Found

Not Found

The requested URL /track was not found on this server.

You are here:   Home Film
Film

When Marnie Was There / Quando c'era Marnie (2014)

Quando c'era MarnieAnna soffre di asma, ma i suoi problemi sono di natura psicologica: non riesce ad accettare se stessa e ad amare la madre adottiva. Quest'ultima manda Anna in vacanza da dei parenti in Hokkaido, nella speranza che ritrovi salute e serenità. Inspiegabilmente attratta da un maniero che si vocifera sia infestato dai fantasmi, la ragazza vi conoscerà Marnie, una coetanea che sembra provenire da un'altra epoca.

 

Madonna (2015)

MadonnaMoon Hae-rim è perseguitata dagli incubi sul piano onirico e dai debiti su quello reale. Accetta un lavoro come assistente in una clinica privata ed esclusiva per pazienti VIP: uno dei degenti è il proprietario milionario della stessa clinica, Kim Cheol-oh, la cui esistenza viene prolungata artificialmente dal figlio Sang-woo per ragioni di puro interesse. Dopo un trapianto di cuore rigettato, Sang-woo vede in Mi-na, una ragazza in coma senza parenti né amici, un potenziale donatore, ma ha bisogno di Moon per ottenere l’autorizzazione legale a procedere.

 

Right Now, Wrong Then (2015)

Right Now, Wrong Then (2015)Il regista Ham Choon-soo arriva a Suwon un giorno prima rispetto alla proiezione di un suo film, comprensiva di incontro con il pubblico, a cui è stato invitato come oratore. Decide quindi di visitare il tempio che si trova di fronte al suo albergo e lì incontra Hee-jeong, una giovane pittrice. I due trascorrono la giornata insieme, ma quando Ham rivela di essere sposato Hee-jeong non intende più vederlo. Nella seconda parte la situazione si ripete da capo: stessi luoghi, stessi personaggi e in parte stessi dialoghi, ma mutano gli atteggiamenti di Ham, sincero fino all'autolesionismo, e di Hee-jeong, malinconica e inquieta sul proprio futuro: muterà anche l'esito del loro incontro?

 

Tabloid Truth (2014)

tabloid truth 0Dopo l'affabile My Dear Desperado (2010), Kim Kwang-sik torna con un film decisamente più ambizioso che parte da temi particolarmente sentiti in Corea del Sud di questi tempi, come l'effetto del gossip indiscriminato e il lato oscuro degli attori, seguendo la scia di film come Top Star (Park Joong-hoon, 2013) e Norigae (Choi Seung-ho, 2013). Tabloid Truth abbandona però presto il terreno delle maldicenze per trasformarsi in un thriller esagerato che cerca di unire complottismo alla Moby Dick (Park In-je, 2010) e violenza alla The Man from Nowhere (Lee Jeong-beom, 2010).

 

100 Yen Love (2014)

100 yen love 0Take Masaharu si è sempre in qualche modo interessato alla marginalità, dai sobborghi coreani di Café Seoul (2009) agli adorabili transessuali di Eden (2012): in 100 Yen Love segue la storia di una trentenne perdente a vita, costruendone un ritratto pestifero e in qualche modo dolce. Presentato al Tokyo International Film Festival 2014, nella sezione Japanaese Cinema Splash, dove ha vinto il premio per il miglior film, è un racconto spigoloso, sgranato, talvolta scorretto, eppure sorprendente.

 

Mysterious Island (2011)

mysterious island 0Co-produzione a impianto horror tra Hong Kong e Cina che si è rivelata un inaspettato successo di pubblico nella Repubblica Popolare, di fatto gettando benzina sulle braci della nuova ondata horror cinese. Mysterious Island è un incrocio tra Survivor, uno slasher e un immenso pasticcio: a dirigere un regista di Hong Kong in passato abituato ad alti (A-1 Headline, 2004) e bassissimi (Who's Next, 2007), come cast un eterogeneo amalgama panasiatico.

 

Veteran (2015)

VeteranSeo Do-cheol è un poliziotto dai metodi brutali, ma di buon cuore. Quando un camionista di cui è diventato amico tenta il suicidio nella sede dell’azienda che lo ha licenziato, Seo cerca di vederci chiaro e scopre un muro di omertà eretto a protezione dei super-ricchi a capo delle multinazionali.

 

Kyoto Elegy (2014)

kyoto elegy 0Sugino Kiki, attrice e produttrice, è una degli astri nascenti della scena indipendente asiatica. Nata a Hiroshima nel 1984, di origini nippo-coreane, ha prodotto Fukada Koji (Hospitalité, Au revoir l'été), Uchida Noboteru (Odayaka), Lim Kah-wai (Magic and Loss). Il 2014 è stato un anno impegnativo per lei, visto che ha esordito alla regia lavorando a ben tre lungometraggi. Kyoto Elegy, presentato nella sezione Asian Future del Tokyo International Film Festival 2014, è il suo esordio, in ordine cronologico, anche se il film è stato proiettato dopo Taksu (selezionato a Busan). In attesa di anteprima c'è anche Boy's Dream.

 

Red Detachment of Women, The (1961)

red detachment of women 0Tra i film più significativi del periodo maoista, che va dalla definitiva presa del potere nel 1949 agli esordi della Rivoluzione Culturale nel 1966, The Red Detachment of Women è un maestoso film di guerra che unisce tenore propagandistico, fervore militante e potenza impressionistica delle immagini. Il regista, Xie Jin, dal ritmo classico, ma tutt'altro che prono ai soli dettami di propaganda, torna a guardare al mondo femminile, facendone una metafora dello sfruttamento delle classi agiate sul proletariato contadino.

 

Ecotherapy Getaway Holiday (2014)

ecotherapy getaway holiday 0Il regista di A Story of Yonosuke (2013) e The Woodsman and the Rain (2011) torna con un'altra commedia stralunata e atipica su un gruppo di ultra-quarantenni perse in un bosco. Presentato al Tokyo International Film Festival 2014 come Ecotherapy Getaway Holiday, è conosciuto anche come Go See the Fall, traduzione letterale del titolo giapponese Taki wo mini iku.

 

August in Tokyo (2014)

august in tokyo 0Nakagawa Ryutaro è un giovane cineasta parte del gruppo Tokyo New Cinema, fondato nel 2011, tramite cui ha già realizzato diversi cortometraggi e due lungometraggi. August in Tokyo, presentato nella sezione Japanese Cinema Splash del Tokyo International Film Festival 2014, è il suo terzo film, storia in parallelo di alcune vite amare che si sfiorano nell'estate della capitale giapponese.

 

 


Page 2 of 43
Share on facebook