404 Not Found

Not Found

The requested URL /track was not found on this server.

You are here:   Home Film
Film

Exit (Taiwan/Hong Kong, 2014)

exit 2014 0Ritratto compassato di una donna di mezza età che vive un tran tran automatico e quotidiano fatto di solitudine e inconsapevolezza dei propri piaceri, dei propri bisogni: Exit racconta senza ricami la storia di Ling, donna un tempo piuttosto piacente, ma sfiorita pian piano negli anni, con una figlia fuori casa e un marito lontano per lavoro, entrambi mai disponibili al telefono quando lei li chiama.

 

Apostles, The (2014)

apostles 0Il taiwanese Joe Chien (alias Chien Jen-hao) continua la sua incursione degenere nell'horror, iniziata con gli altalenanti Buttonman (2008) e Zombie 108 (2012), imbarcandosi in una coproduzione pan-cinese diretta principalmente al mercato cinese. Il regista alza la posta in gioco e mette in sequenza svariati cliché del genere in un patchwork che cambia registro ogni cinque minuti, nel dichiarato tentativo (postmoderno) di stupire-a-ogni-costo. L'effetto è di roboante spaesamento e inconcludente incoerenza: l'affastellamento di rimandi è scoordinato e, nonostante i continui scarti, inefficace.

 

Dragon Ball Z: Battle of Gods / Dragon Ball Z: La battaglia degli Dei (2013)

dragon ball z battaglia degli dei 0Sono passati alcuni anni dalla battaglia finale contro Majin Bu e il pianeta Terra può godersi il suo tanto agognato periodo di pace. Sebbene tutto sia tornato alla normalità, Son Goku non riesce proprio a stare fermo e decide di passare un po’ di tempo nel pianetino del Re Kaioh, utilizzandolo come palestra per i suoi allenamenti intensivi. Nel frattempo, da qualche parte nello spazio profondo, il dio della distruzione Bills (un essere dalle fattezze di un gatto antropomorfo) si sta risvegliando da un sonno durato 39 anni.

 

Emperor Tomato Ketchup (1971)

emperor_tomato_ketchup_0Parabola unica, quella di Terayama Shuji nel cinema nipponico. La sua figura va assegnata al girone degli iconoclasti come Fassbinder e Pasolini negli anni Settanta. Sebbene l’artista giapponese sia lungi dall’essere considerato un cineasta della domenica, l’ondata di riconoscimenti postumi non è ancora arrivata dal circuito festivaliero che conta. E forse è proprio la profilicità ad aver penalizzato il cinema intermittente di Terayama, messo in ombra da un’attività teatrale febbrile con la compagnia Tenjo Sajiki.

 

East Palace West Palace (1996)

east_palace_west_palace_0aSfidando senza mezzi termini censura e autorità cinesi, Zhang Yuan compone un film intenso, ricco di ambiguità e sfumature che, attraverso i racconti del protagonista, confondono e attraggono lo spettatore, lasciandolo fino alla fine in sospeso tra immaginazione e realtà.

 

Real (2013)

real_0Dopo cinque anni di esilio volontario dal grande schermo - un'eternità per uno stakanovista come Kurosawa Kiyoshi - occupati soprattutto dalla serie tv Penance (Shokuzai), transitata alla Mostra del cinema di Venezia nel 2012, il regista nipponico torna dietro la macchina da presa per Real, un’opera che è insieme sintesi di temi trattati e tentativo di rinnovare linguaggio e approccio. Benché si tratti della trasposizione di un romanzo - A Perfect Day for a Plesiosaur di Inui Rokuro - i temi sono quelli cari al regista e che caratterizzano così fortemente la sua poetica: lo studio dell'imperscrutabile mondo sospeso tra la vita e la morte, che Kurosawa ha avuto il coraggio di mettere più volte in scena nelle sue opere, e di quel limbo altrettanto misterioso che separa la realtà dal sogno, la parte cosciente da quella subcosciente di noi.

 

Space Pirate Captain Harlock / Capitan Harlock (2013)

capitan harlock 2013 0Preceduto da una colossale campagna pubblicitaria, culminata con la presentazione, Fuori Concorso, alla 70ma Mostra del cinema di Venezia, e conclusa la distribuzione cinematografica in patria, Capitan Harlock è salpato all'arrembaggio degli schermi 3D di quasi tutto il pianeta: sono infatti ben 78 i paesi che ne hanno acquistato i diritti. Era d'altra parte bastato l'annuncio della realizzazione del lungometraggio per attirare l’interesse della stampa, anche e soprattutto non specializzata, in quanto il personaggio di Capitan Harlock è entrato a pieno titolo nell’immaginario collettivo di più di una generazione, per via del grande successo della serie tv a lui dedicata nel 1978-79.

 

Country Hotel (Thailandia, 1957)

country_hotel_0Tutti i classici nascono quasi sempre come un miscuglio di audacia e calcoli. Sarebbe comunque azzardato affermare che Rattana Pestonji per il suo esordio dietro la macchina da presa abbia pensato all’Hitchcock di Nodo alla Gola: Rattana ha scelto di rischiare tanto, ma non troppo, girando una delle prime produzioni in 35 millimetri nella storia del cinema tailandese, per di più senza ricorrere al doppiaggio. La scelta di mantenere a oltranza l’unita di luogo in Country Hotel (Rong Raem Narok) è stata dettata senz’altro da ragioni produttive: più facile anche catturare il suono in un unico ambiente che rischiare una cattiva resa girando in esterni.

 

No Blood No Tears (2002)

no_blood_no_tears_0Una tassista irascibile con un passato burrascoso, vessata al lavoro e fuori, con un marito che la lascia in un mare di debiti e nelle mani della mafia. La pupa di un gangster ed ex-pugile violento e misogino, presa a pugni e calci con qualsiasi pretesto. Un trio di delinquentelli ambiziosi, che punta a entrare nel giro della boxe clandestina. I loro destini si intrecciano in una scarica di botte che lascia una copiosa scia di sangue dietro di sé.

 

Our Sunhi (2013)

our_sunhi_0Sun-hi, studentessa di cinema, è al centro delle attenzioni di tre uomini: il suo ex, Mun-su, il suo professore, Choi, e il regista Jae-hak. Ma anche i tre uomini si conoscono e, inconsapevoli, parlano tra loro di Sun-hi; i dialoghi e i consigli finiscono così per ripetersi e intrecciarsi, fino a perdere di significato.

 

Wind Rises, The / Kaze tachinu (2013)

the_wind_rises_0Opera che spiazza, prima di tutto perché volutamente priva di quel potere affabulatorio che conquista fin dai primi minuti presente in ogni altro film del Maestro, il quale peraltro decide di realizzare in prima persona, come regista, un film scevro di ogni elemento fantasy, un’anomalia nella sostanziale suddivisione dello Studio Ghibli dove i film realistici venivano assegnati ad altri registi, come Takahata o Kondo. The Wind Rises (Kaze tachinu) abbandona qualsiasi dimensione fiabesca per adottare un approccio narrativo per l’autore inedito.

 


Page 3 of 42
Share on facebook