404 Not Found

Not Found

The requested URL /track was not found on this server.

You are here:   Home Film
Film

Bugmaster / Mushi-shi (2006)

bugmaster_0Il Giappone rurale, agli inizi del XX secolo, è ancora popolato dai Mushi, creature misteriose e impalpabili che gli esseri umani non sono in grado di percepire, a eccezione di un ristretto numero di eletti, i Mushi-shi. Il protagonista è uno di questi; la sua esistenza è stata segnata dall'aver perso, in tenera età, la madre in una gigantesca frana, causata proprio dalla collisione con dei Mushi. Divenuto adulto, inizia un vagabondaggio che lo porterà a incontrare un'anziana Mushi-shi, depositaria di storie misteriose e inquietanti sul mondo dei Mushi.

 

Brutal Hopelessness of Love, The (2007)

brutal_hopelessness_of_love_0Nei suoi film sospesi tra sexploitation, pink e deriva misogino-sadica, Ishii Takashi ha sempre espresso una visione coerente della donna come preda, angelo sacrificale inconsapevole di un maschilismo permeante e però ineludibile. Dopo l'esplorazione personale del sottogenere rape and revenge in chiave mistica con Freeze Me (2000) e la rilettura del classico della prevaricazione Flower and Snake (2004), con conseguente seguito (2005), Ishii si abbandona a un film nel film nel film che racconta i frammenti deflagrati della personalità di una donna, un'attrice, costretta a vivere una quotidianità di finzione perennemente sotto i riflettori.

 

Bounce Ko Gals / Leaving (1997)

bounce_ko_gals_0Risa scende dal treno Sendai-Tokyo decisa a sfruttare le possibilità di una grande megalopoli per incrementare i suoi risparmi, in vista dell'imminente imbarco per New York, meta da sogno di una vita. Entrando in un microcosmo a rischio fatto di mezzi di sussistenza alternativi, piccoli raggiri e grandi truffe, Risa finisce col perdere tutti i soldi, scampando per miracolo a uno stupro.

 

Blue Spring (2001)

blue_spring_0Il cambio nevralgico tra le leve di un istituto superiore maschile è lo sfondo per una parabola amara sulle illusioni e le speranze tradite, sull'amicizia e la futilità della crescita. Tratto da un manga breve di Matsumoto Taiyo (lo stesso autore cui si è ispirato Sori Fumihiko per Ping Pong), disegnatore dal tratto ruvido e spigoloso, Blue Spring si apre su un rito d'iniziazione, il gioco del battimano: gli studenti, appollaiati sul cornicione del terrazzo della scuola, si sfidano a battere le mani sospesi nel vuoto. Vince chi riesce a farlo più volte di fila senza schiantarsi al suolo.

 

Audition (2000)

audition_0Un maturo vedovo, Aoyama, decide di prendere moglie, e per farlo organizza un provino tv fittizio, volto alla ricerca della donna perfetta. La trova in Asami... ma ci si può sempre sbagliare.

 

Azumi (2003)

azumi1_0Nel Giappone feuduale, l'orfana Azumi è allevata da un vecchio guerriero, maestro di arti marziali. Lontana da qualsiasi tipo di vita civile, la ragazza apprende insieme ad altri nove compagni le più efficaci tecniche di combattimento con la spada. Dopo anni di addestramento e dopo una terribile prova che riduce il gruppo in appena cinque componenti, Azumi parte con i suoi fratelli d'armi per compiere la prima missione da assassina: uccidere un potente signore della guerra che mira a distruggere la pace precaria del paese.

 

Brothers and Sisters of the Toda Family (1941)

brothers_and_sisters_toda_0Nel giorno del compleanno della mamma, le figlie e i figli ormai adulti e sposati vengono richiamati dopo la festa a Kojimachi, nell'antica tenuta della famiglia Toda, per l'improvvisa e scombussolante morte del padre.

 

Boogiepop & Others (2000)

boogiepop_and_others_0Tutto nasce da dei racconti scritti da Kadono Kouhei e illustrati da Ogata Kouji a partire dal 1998. La serie - tra fantascienza, umori adolescenziali, orrore e mitologia - si guadagna una discreta schiera di fan, tanto che nel 2000 viene trasposta sia in un lungometraggio cinematografico dal vivo (tratto dal primo libro, Boogiepop wa Warawanai, ovvero Boogiepop non ride) che in tredici episodi animati per la televisione; mentre il cartone animato esplora un universo già formato e complesso, il film si concentra sulle premesse e funge da raccordo.

 

Blind Beast (1969)

blind_beast_0Aki, una modella, ha posato per un servizio fotografico e una scultura incentrate sul suo corpo. Giunta nella galleria che espone le opere, la ragazza trova un misterioso figuro che sta toccando morbosamente le sue curve scolpite nella statua. L'effetto di immedesimazione nel vedere la statua è tanto forte che Aki sente le mani dello sconosciuto su di sé.

 

Black Lizard (1968)

black_lizard_0Black Lizard è un misterioso e leggendario ladro che minaccia il furto di un diamante preziosissimo, posseduto da un importante gioielliere. A tutela della preziosa gemma viene ingaggiato il famoso investigatore privato Akechi Logoro.

 

Avalon (2000)

avalon_0Un universo spento e narcotizzato in cui l'unica via di fuga è un war game virtuale a cui i giocatori si connettono, combattendo da soli o in gruppo, fino a passare di livello - per accedere a nuovi scenari sempre più complessi. Ma giunti al livello superiore alcuni incontrano un fantasma, forse un bug di sistema, finendo in un livello sconosciuto, la Classe A, dal quale nessuno è mai tornato; la loro mente viene risucchiata, e rimane solo un corpo completamente privo di reazioni, un vegetale.

 


Page 42 of 43
Share on facebook