404 Not Found

Not Found

The requested URL /track was not found on this server.

You are here:   Home Film AltrAsia Bear It (Taiwan, 2011)

Bear It (Taiwan, 2011)

Saturday, 29 September 2012 14:40 Stefano Locati Film - AltrAsia
Print

bear_it_0Con toni surreali caramellosi e fiabeschi, Cheng Fen-fen, giovane regista taiwanese già conosciuta per l'altalenante Keeping Watch (2007) e soprattutto il dolce Hear Me (2009), inscena un atipico on the road emotivo in cui una guida paradossalmente non abituata ai contatti umani deve per la prima volta rapportarsi a viaggiatori in carne e ossa.

Peter è una guida turistica molto particolare: la sua specialità è portare in viaggio i peluche dei suoi clienti, prendendosi cura di ogni aspetto degli animali di pezza, scattando persino fotografie accurate dei momenti più belli delle vacanze. Un giorno però ha un incidente d'auto e i tre orsetti che stava accudendo scompaiono misteriosamente. Peter deve contattare i suoi committenti e cercare di colmare il vuoto che la scomparsa ha lasciato. Ma deve risolvere anche un problema finanziario impellente: non ha copertura assicurativa e deve pagare i costi dell'ospedale...
Con una scrittura leggera e uno sguardo ingenuo carico del sense of wonder dell'infanzia (o degli adulti mai completamente cresciuti, come ciascun personaggio principale dimostra di essere, ciascuno a suo modo), Bear It racconta una parabola di crescita e comunanza a partire da premesse inusuali, unendo contro ogni aspettativa persone di età e retaggi diversi – una bambina malata, una coppia di anziani, una stralunata artista con manie depressive e la guida, che fa da incomodo collante, essendo il suo incidente la causa per cui gli altri si conoscono. Con colori pieni saturi molto curati, una colonna sonora piuttosto rudimentale, ma efficace, e toni che passano con semplicità dal farsesco al tragico, grazie soprattutto alle espressioni imbronciate e alla gestualità impacciata del Peter ritratto da Kuo Pin-chao, Cheng Fen-fen delinea un universo sospeso che sembra uscito da un manga intimista. Gli orsacchiotti, oggetti inanimati su cui i proprietari riversano il loro affetto, sono una metafora di lacune nelle loro vite (mancanza di salute, di fiducia, di relazioni) e quindi rivestono una funzione totemica meno banale di quanto possa apparire inizialmente. Bear It, pur troppo vaporoso e semplice nella struttura, non si limita a questo, ma emerge nella costruzione dei personaggi e dei loro interscambi, riuscendo a commuovere prima ancora del finale.


paese: Taiwan
anno: 2011
regia: Cheng Fen-fen
sceneggiatura: Cheng Fen-fen
attori: Kuo Pin-chao, Ko Chia-yen, Yu Jo-ching, Ting Chiang, Ma Chih-chin, Tou Chung-hua, Yao Kun-chun, Chen Hsi-cheng



Dim lights Embed Embed this video on your site


sitemap

Add comment

Effettuando il login si hanno più opzioni e non è necessario inserire il captcha a ogni messaggio.
Sono vietati messaggi discriminatori, offese o insulti, spam di qualsiasi tipo, incitamento alla pirateria informatica. I commenti che non rispettano queste semplici regole saranno eliminati senza preavviso dalla redazione.

Security code
Refresh

Share on facebook