404 Not Found

Not Found

The requested URL /track was not found on this server.

You are here:   Home Film AltrAsia Men Who Save the World (Malesia, 2014)

Men Who Save the World (Malesia, 2014)

Tuesday, 26 August 2014 16:59 Paolo Villa Film - AltrAsia
Print

men who save the world 0In un piccolo villaggio della campagna malese, Pak Awang deve far sposare la figlia, ma non ha i soldi per acquistarle una casa nuova da portare in dote al marito; si mette allora in testa di risolvere il problema prelevando una casa abbandonata, nella foresta, per trasportarla nel villaggio e rimetterla a nuovo. Per fare questo ha però bisogno dell’aiuto e delle braccia di un gruppo di abitanti del villaggio, che Pak Awang riesce a convincere con poco.

Il bizzarro trasloco di un’intera casa a spalla ha così inizio, e tutto va abbastanza bene, finché un immigrato africano scapato dai controlli della polizia di Kuala Lumpur prende alloggio nella casa e succede che il tossico del villaggio lo intravede una notte, o meglio intravede con gli occhi della poca lucidità una strana ombra nera e lo scambia per una creatura demoniaca. Nel villaggio comincia a diffondersi un sentimento di scetticismo, ma via via che le coincidenze si accumulano, includendo il caso della sparizione di alcuni capi di bestiame e pure del cammello mantenuto nella moschea in vista del sacrificio previsto dalla festività islamica dell’Aid al-Adha, imminente, la cosa si trasforma in aperta superstizione. Quando una specie di cialtrone che si spaccia per esorcista conferma i timori dei più fanatici, paventando il pericolo che si manifesti un fantomatico Oily Man, creatura notturna, nera e lucida, del folklore malese, a violentare le loro mogli e figlie, il sospetto che la maledizione penda su quella casa da spostare cresce e il caso diventa serio.
Liew Seng Tat, giovane regista con alle spalle il bell’esordio di Flower in the Pocket (2007), arriva a Locarno, sezione Cineasti del Presente, con una commedia degli equivoci semplice, genuina e ben architettata, e anche se il cinema, quello forte che lascia il segno, è lontano, e se ogni tanto il tono delle battute è volgarotto, l’eccentrica ingenuità di alcune scene - come quella con l’esorcista alle prese con una specie di enciclopedia dei demoni malesi o quella in cui gli uomini del villaggio si travestono da donne per attirare in trappola il sessualmente famelico Oily Man – rende la visione leggera e fonte di intelligente intrattenimento. Il confine tra stupidità e superstizione e labile si sa, e il film sa portare avanti il contrasto con garbo e simpatia, tra un sorriso e un monito alla convivenza sociale, su cui il finale, col suo cambio di tono inaspettato, fa ancor più risalto.



paese: Malesia
anno: 2014
regia: Liew Seng Tat
sceneggiatura: Liew Seng Tat
attori: Soffi Jikan, Wan Hanafi Su, Harun Salim Bachik,  Jalil Hamad,  Azhan Rani,  Azman Hassan,  Roslan Saleh




sitemap

Add comment

Effettuando il login si hanno più opzioni e non è necessario inserire il captcha a ogni messaggio.
Sono vietati messaggi discriminatori, offese o insulti, spam di qualsiasi tipo, incitamento alla pirateria informatica. I commenti che non rispettano queste semplici regole saranno eliminati senza preavviso dalla redazione.

Security code
Refresh

Share on facebook