404 Not Found

Not Found

The requested URL /track was not found on this server.

You are here:   Home Film AltrAsia Evil Angel (Taiwan, 1995)

Evil Angel (Taiwan, 1995)

Friday, 11 February 2011 15:52 Stefano Locati Film - AltrAsia
Print

evil_angel_0Ng Chi-kit e Tsu Siu-suen si amano di una passione totalizzante e ingenua (nati in giorni diversi, si sono promessi con tanto di patto di sangue di morire almeno nello stesso istante); Chi-kit è però perennemente senza soldi, e non vede altra alternativa che rubarli in ufficio. I due fuggono senza metà, ma il destino è più lesto di loro e un ladro sottrae a Siu-suen la borsa che conteneva i soldi. Chi-kit è costretto ad accettare l'offerta di un'annoiata riccastra che lo vorrebbe come distrazione: per non stargli lontano, Siu-suen finge di essere sua sorella.

L'inizio è pessimo: dov'è l'utilità nell'uccidere in diretta un serpente a scopo d'intrattenimento (un auto in corsa su una strada deserta travolge il rettile strisciante, senza stacchi)? In ogni caso Evil Angel (noto anche come Devil Angel) - girato in contemporanea con Angel Heart (stesso cast, stesse location) - non si sforza nemmeno di trovare un soggetto originale e copia senza remore da Proposta Indecente. Invertendo i ruoli (la lei ricca che "compra" il lui povero) e cercando di inserire novità di contorno (il background alla Bonny e Clyde, i retroscena neri), il risultato non cambia: assistiamo a una triste e ritrita messinscena dei soliti giochetti voyeuristici - amore maledetto, il terzo incomodo, i litigi, con dovizia di pelle esposta nei momenti topici. Le ambizioni di Foo Laap paiono però inalterate: approcio (fintamente) alto, regia (sbandieratamente) curata, tentativo (fallito) di esame antropologico. L'aggravante (oltre a una colonna sonora rubacchiata a destra e manca, si arriva persino al tema di Braveheart!) è la noia e la prevedibilità del tutto. A nulla servono le smorfie innocenti adolescenziali di Vivian Hsu o gli abbozzi di sorrisi sperduti di Jian Guo Bin, quando non c'è una mano salda a indirizzarne le potenzialità (valga la scena della quasi violenza carnale, che poteva evocare per aberrazione quella di Ultima fermata Brooklyn, ma rimane un fastidioso e goliardico episodio di barbarie da stadio).
Pruriginoso e falso morboso, con tanto di amplesso passionale sul tetto di un grattacielo, si tratta semplicemente di un film da dimenticare.

 


paese: Taiwan
anno: 1995
regia: Foo Laap
sceneggiatura: Foo Laap
attori: Vivian Hsu (Tsu Siu Suen), Jian Guo-bin (Ng Chi Kit), Yeung Si-man

sitemap

Add comment

Effettuando il login si hanno più opzioni e non è necessario inserire il captcha a ogni messaggio.
Sono vietati messaggi discriminatori, offese o insulti, spam di qualsiasi tipo, incitamento alla pirateria informatica. I commenti che non rispettano queste semplici regole saranno eliminati senza preavviso dalla redazione.

Security code
Refresh

Share on facebook