Yang Yang (Taiwan, 2009)

yang_yang_0Dopo Do Over (2006), Cheng Yu-chieh prosegue la sua raffinata riflessione sull'identità, non abbandonando del tutto il discorso metacinematografico. Con stile meno costruito, spoglio da orpelli, quasi trasparente, eppure vibrante di empatia per i suoi personaggi, complici gli stacchi continui tra dettagli e primissimi piani, segue le piccole conquiste, i grandi dubbi, le alterne fortune della giovane Yang Yang, taiwanese solo a metà, con madre cinese e padre francese.

Ora che la madre si è riaccasata con un coach di atletica devoto, Yang Yang guadagna una sorella della sua età e una nuova passione, la corsa. Ma dentro di lei permane un vuoto, o meglio un'assenza, che sente di dover colmare. Non si tratta dell'amore, nonostante la competizione per il fidanzato della sorella. E neanche di affermazione personale. È piuttosto, forse, un proprio baricentro, un equilibrio che sembra sempre sfuggire, trascinandola a fondo. Yang Yang è cinese, ma è anche straniera: nonostante ciò, il francese non lo parla, anche se tutti provano a chiederglielo. Tra rabbia repressa e malinconia, Yang Yang cambia tutto, si dedica alla recitazione, e sul set incappa nella storia di una ragazza di sangue misto che si mette alla ricerca del padre. Quel padre che lei in effetti non conosce. In questo loop inesplicabile tra finzione e realtà si chiude la sua ricerca, che in fondo una fine non può avere, perché è la vita stessa a procedere per salti ed enigmi. Nei dialoghi semplici, nei conflitti adolescenziali che esplodono sullo schermo in emozioni trattenute, nei colori bagnati e avvolgenti, si annida la nostalgica immediatezza di un film che parte dai particolari quotidiani per raggiungere i sensi. Con una tranquillità e una calma propria solo di chi un'identità (almeno artistica) l'ha già trovata.

 


paese: Taiwan
anno: 2009
regia: Cheng Yu-chieh
sceneggiatura: Cheng Yu-chieh
attori: Sandrine Pinna (Yang Yang), Bryant Chang (Shawn), Her Sy-huoy (Xiao-ru), Huang Chien-wei (Ming-ren ), Lee Khan, Chu Lu-hao, Yu Tai-yan