404 Not Found

Not Found

The requested URL /track was not found on this server.

You are here:   Home Film Cina Bunshinsaba (2012)

Bunshinsaba (2012)

Wednesday, 05 November 2014 13:35 Stefano Locati Film - Cina
Print
Tags:

bunshinsaba 1 0Seguendo un trend in crescita, il più conosciuto regista di horror sudcoreano, An Byung-ki (Ahn Byeong-ki), responsabile di una serie di pellicole piuttosto insignificanti, per quanto di successo, come Nightmare (2000), Phone (2002) e APT (2006), si trasferisce in Cina per provare a sondarne il vasto mercato. Lo fa ripescando il titolo internazionale di un suo film del 2004, Bunshinsaba, parola inventata sullo stile di abracadabra, mettendo in scena una storia orrorifica scritta da tre sceneggiatori cinesi.

Una scrittrice in crisi accetta l'offerta di un amico e, insieme al figlioletto asmatico, si ritira in una villetta isolata per tentare di terminare il romanzo che sta scrivendo. La donna viene a sapere che l'ex marito, arrestato per violenze domestiche, è stato rilasciato. In più nella nuova dimora scopre delle strane foto, con i volti delle persone ritratte cancellati, mentre computer e stampante con cui lavora sembrano in qualche modo posseduti.
An Byung-ki esporta il suo stile compunto, basato su livelli produttivi elevati e salti sulla sedia gratuiti dovuti agli sbalzi della colonna sonora, mettendolo al servizio di una storia risaputa e confusa, che dopo una partenza promettente si accartoccia irrimediabilmente in una serie di presunti colpi di scena. Servendosi di maestranze sudcoreane, il regista riesce a dare una certa coerenza visiva al film, grazie soprattutto alla cura per le location e alla fotografia contrastata, ma si tratta degli unici tasselli riusciti in un puzzle caotico e gestito male, specialmente quando, nel finale, si deve tirare le fila e dare una spiegazione razionale (richiesta dalle politiche censorie cinesi) alle vicende. L'attrice protagonista, Mei Ting, ha un volto interessante, ma è lasciata sperduta a vagare negli spazi angusti della casa, senza un vero perché. Nonostante gli evidenti limiti, il film ha avuto un discreto ritorno, convincendo An ad aprire un suo studio con sede a Beijing e a dare il via a un franchise.

 


paese: Cina
anno: 2012
regia: An Byung-ki
sceneggiatura: Liu Han, Li Han, Li Wei
attori: Mei Ting, Guo Jingfei, Wu Chao, Zhu Jiangdi, Liu Xiyuan, Gao Xinyu, Ma Shuliang

 

 

sitemap

Add comment

Effettuando il login si hanno più opzioni e non è necessario inserire il captcha a ogni messaggio.
Sono vietati messaggi discriminatori, offese o insulti, spam di qualsiasi tipo, incitamento alla pirateria informatica. I commenti che non rispettano queste semplici regole saranno eliminati senza preavviso dalla redazione.

Security code
Refresh

Share on facebook