404 Not Found

Not Found

The requested URL /track was not found on this server.

You are here:   Home Film Cina Detective Dee and the Mystery of the Phantom Flame / Detective Dee e il mistero della fiamma fantasma (2010)

Detective Dee and the Mystery of the Phantom Flame / Detective Dee e il mistero della fiamma fantasma (2010)

Tuesday, 23 August 2011 01:52 Emanuele Sacchi Film - Cina
Print

detective_dee_0Cina, 690 d.C. La reggente Wu, prima donna nella storia cinese, si appresta a essere incoronata imperatrice, ma i molti nemici e cospiratori giocano le loro ultime carte per impedirlo. Nel frattempo la costruzione di un gigantesco Buddha in onore della reggente viene rallentata da alcune morti misteriose per autocombustione; sul caso viene chiamato a indagare il detective ribelle Di Renjie, in passato esiliato dalla stessa reggente.

Il razionale e la superstizione: il primo, principale alleato di chi non accetta di uniformarsi e di rinunciare a ciò che indica il proprio intelletto, contro la seconda, brandita come una clava dal potere per mantenere le masse oppresse, ignoranti e soprattutto impaurite. Cominciava così, nel lontano 1979 di The Butterfly Murders, la carriera cinematografica di Tsui Hark, con un whodunit misto a wuxia nerissimo e fuori dagli schemi, che lasciava intendere di cosa fosse capace la new wave di Hong Kong. Più di trent'anni dopo, quando nel frattempo il regista ha reinventato il cinema di Hong Kong, distruggendo e ricostruendo generi e stili, ed è man mano scivolato verso quello che pareva un inesorabile viale del tramonto, ecco che Tsui riparte da lì, dal principio.
In un terzo millennio che significa cgi e capitali cinesi, dovere di impressionare un pubblico con esigenze di spettacolo tutte sue, ma senza tradire la propria poetica. Detective Dee è quel romanzo d'avventura e di epos che nessuno, non solo Tsui, sembrava più in grado di realizzare. Ingredienti apparentemente semplici, ma sempre meno presenti nei piatti insipidi che l'industria dell'entertainment ci serve quotidianamente, tra un supereroe e un 3D movie: divertimento, azione, qualche risata, suspense e ancora divertimento. Proprio come ai bei tempi in cui Indiana Jones faceva schioccare la frusta o Wong Fei-hung saltava da un vascello inglese all'altro.
L'idea di ambientare nella più classica delle ambientazioni fantasy-wuxia un vero e proprio whodunit permette a Tsui di allestire un curioso pantheon di personaggi degno dei fasti di Zu: Warriors of the Magic Mountain, insistendo sull'elemento del trasformismo, topos tradizionalmente caro all'autore (Peking Opera Blues, Swordsman 2). Trasformismo dei sessi e delle identità, in un rimescolamento delle carte, un bluff ammaliante che riporta lo spettatore al suo ruolo originario di ignaro osservatore di una caleidoscopica esibizione da lanterna magica. A chiudere il cerchio un cast stratosferico, guidato da un Andy Lau che pare aver sorseggiato l'elisir di eterna giovinezza e da una sempre più sorprendente Li Bingbing (dopo Gallants, altro cameo suggestivo di Teddy Robin Kwan), in un'opera che ci riconsegna in forma splendida – ed è la più lieta sorpresa dell'anno - la guida spirituale degli amanti del cinema di Hong Kong, che si temeva irrimediabilmente smarrita.


paese: Cina, Hong Kong
anno: 2010
regia: Tsui Hark
sceneggiatura: Chen Kuo-fu, Chang Chia-liu
attori: Andy Lau (Di Renjie), Carina Lau (Wu Zetian), Li Bingbing (Jing'er), Tony Leung Ka-fai (Zhong Shatuo), Deng Chao (Pei Donglai), Richard Ng (Wang), Teddy Robin Kwan (Wang Lu)



Dim lights Embed Embed this video on your site

sitemap

Add comment

Effettuando il login si hanno più opzioni e non è necessario inserire il captcha a ogni messaggio.
Sono vietati messaggi discriminatori, offese o insulti, spam di qualsiasi tipo, incitamento alla pirateria informatica. I commenti che non rispettano queste semplici regole saranno eliminati senza preavviso dalla redazione.

Security code
Refresh

Share on facebook