404 Not Found

Not Found

The requested URL /track was not found on this server.

You are here:   Home Film Cina Love on Credit (2011)

Love on Credit (2011)

Tuesday, 13 December 2011 04:43 Stefano Locati Film - Cina
Print

love_on_credit_0Commedia romantica sui patemi d'amore delle nuove generazioni cinesi, dilaniate tra soldi e sentimenti nel panorama del capital-comunismo avanzato. Zhang Yibai, qui produttore, da sempre attento a rappresentare la velocità dei cambiamenti con stile patinato e urbano, chiama da Taiwan Leste Chen (l'horror The Heirloom, del 2005, la scoperta della sessualità in Eternal Summer, del 2006), concedendo il ruolo principale alla supermodella taiwanese Lin Chi-ling, che poco dopo aver esordito in La battaglia dei tre regni/Red Cliff di John Woo si concentra in un riuscito doppio ruolo. Messa in scena spigliata, personaggi sfumati e produzione meticolosa funzionano egregiamente a livello d'intrattenimento, è semmai il soggetto e il suo sviluppo programmatico, con involuzioni fragorose nella seconda parte, a lasciare perplessi, nel dipingere un modello di donna ancora schiavo dell'idealizzato principe azzurro (che abbia i soldi o meno).

Xiao-hong e Xiao-qing sono due sorelle gemelle per carattere molto diverse tra loro. La prima è volitiva e pragmatica, e preferisce i soldi al romanticismo. La seconda è riflessiva e sognatrice, e si culla nella relazione decennale con lo sfaccendato ragazzo, Cheng. Quando quest'ultimo cede con ingenuità tutti i loro soldi a un amico in difficoltà, Xiao-qing è sul punto di troncare, e si lascia tentare dalle avance del ricco Shen Tao. Intanto Xiao-hong rompe la relazione senza sbocchi con un uomo sposato e decide di divertirsi con un giovane ultrabenestante, che non ha problemi a pagare qualsiasi cifra con le sue carte di credito. Xiao-qing e Xiao-hong si trovano di fronte a un bivio: meglio l'amore o i soldi? La felicità si ottiene con i sentimenti o i bei vestiti?
Love on Credit riprende la formula glamour e kitsch di Sex and the City e la importa nel nuovo panorama di luccicante opulenza della nuova Cina, sul modello già adottato con enorme successo da Sophie's Revenge (2009) o Go Lala Go! (2010) ed esploso in miriadi di prodotti simili. Leste Chen assicura una regia competente, briosa, con montaggio accurato e fotografia pastosa a proprio agio in interni ariosi e raffinati. A illuminare la storia è comunque l'inaspettata prova di Lin Chi-ling, brava a differenziare i suoi due personaggi, tanto che spesso si fatica a credere siano in realtà la stessa persona. Non sono tanto gli occhiali e i capelli corti di Xiao-qing contro quelli lunghi di Xiao-hong a ingannare, quanto la costruzione di diversi gesti e movenze del corpo per ciascuna. Anche la scrittura è scorrevole, con dialoghi superficiali quanto basta, nonostante nella seconda parte si incarti in scelte slegate dai personaggi. I problemi nascono allora dall'orizzonte anacronistico in cui si muove la narrazione, persa in vagheggiamenti amorosi in cui la donna è ancora e sempre una semplice suppellettile che ha da annullarsi nell'uomo di turno, esaurendo la sua funzione in quella ricerca agonizzante. Se si è disposti a ignorare il particolare in qualche modo mortificante - proprio di gran parte delle commedie romantiche anche hollywoodiane, d'altra parte - e a concedere le cadute di stile consumistiche degli scontrini che si materializzano a schermo a quantificare lusso e benessere, Love on Credit concede divertimento trasognato a sufficienza.


paese: Cina
anno: 2011
regia: Leste Chen
sceneggiatura: Leste Chen, Dean Wang, Zuo Er
attori: Lin Chi-ling (Xiao-hong/Xiao-qing), Aloys Chen (Zhang Quan), Liao Fan (Cheng), Tony Yang (Shen Tao), Chang Hsiao-yen



Dim lights Embed Embed this video on your site


sitemap

Add comment

Effettuando il login si hanno più opzioni e non è necessario inserire il captcha a ogni messaggio.
Sono vietati messaggi discriminatori, offese o insulti, spam di qualsiasi tipo, incitamento alla pirateria informatica. I commenti che non rispettano queste semplici regole saranno eliminati senza preavviso dalla redazione.

Security code
Refresh

Share on facebook