404 Not Found

Not Found

The requested URL /track was not found on this server.

You are here:   Home Film Corea del Sud Pain / Pained (2011)

Pain / Pained (2011)

Sunday, 06 May 2012 10:12 Emanuele Sacchi Film - Corea del Sud
Print

pain_0Lui, Nam-soon, non prova dolore fisico e recupera crediti, lei, Dong-hyeon, è malata di emofilia e piena di debiti. Tragedie del passato e del presente per due vite condannate all'infelicità che riescono, nell'amore, a ritrovare un barlume di senso dell'esistenza. Forse effimero.

Per una volta il titolo internazionale, Pain, vale più di mille parole e sintetizza nel migliore dei modi un autentico tour de force emozionale, in cui anche i più restii a liberare la propria emotività saranno messi a dura prova dai ripetuti attentati strappalacrime al loro aplomb. Non è nuovo il cinema coreano all'utilizzo dello spadone in luogo del fioretto e men che mai Kwak Kyung-taek, l'autore del celebratissimo Friend, epopea sulla vita gangster e di variazioni sul tema in odore di machismo, in seguito mai all'altezza di quell'exploit. Benché in un certo senso Love del 2007 rappresentasse la prima svolta, Pain è un deciso balzo nel vuoto per Kwak, alle prese con un genere per lui inusuale; per compierlo il regista si affida alla sceneggiatura di Kang Pool, talentuoso autore di manhwa (sempre più spesso godono di una trasposizione cinematografica, come in Moss di Kang Woo-suk) che è solito pubblicare online. Padrone dei ritmi della narrazione e di una fisicità non comune (purissimo cinema “dei corpi” il suo), il regista riesce, anche nel melò più esasperato, a colpire l'attenzione soprattutto per le incredibili violenze a cui è sottoposto il martire Nam-soon, l'uomo in grado di sopportare i colpi vibranti delle spranghe di metallo ma che per piangere ha bisogno della sua amata. Un personaggio caricaturale e inverosimile, fumettistico appunto: una sorta di Unbreakable con un cuore, oltre che un senso di colpa destinato a tormentarlo in eterno.
Pain attraversa molti momenti contrastanti. La trattazione dei sentimenti per larghi tratti rimane sul crinale tra il sapiente ricorso a espedienti tipico del melò orientale, avvalendosi di quei curiosi e delicati particolari che in fondo rendono speciali le storie d'amore (lei che piange in vece sua, lei che prova dolore in vece sua, lui che perde sangue dove lei non può e mille finti qui pro quo sul di lui iniziale rifiuto e sul di lei intuito) prima di scadere in eccessi e prolissità in cui emerge eccessivamente la grevità della mano di Kwak.
Gli ingredienti del melò sono tutti rispettati, forse – vedi anche il coevo Always di Song Il-gon– fin troppo, con un'esasperazione dei topoi che finisce per nuocere all'originalità del film. Un peccato, perché ancora una volta i personaggi erano ben tratteggiati e il masochistico spirito di sacrificio coreano era ottimamente incarnato dalla figura Nam-soon, l'uomo che non conosce il dolore. Mentre, dopo Castaway on the Moon, Jeong Ryeo-won ritorna con un'altra caratterizzazione tragica di ragazza “interrotta”, ruolo che – evitando il typecasting in agguato– dimostra di padroneggiare con maestria e forte trasporto emotivo.


paese: Corea del Sud
anno: 2011
regia: Kwak Kyung-taek
sceneggiatura: Kang Pool
attori: Kwon Sang-woo (Nam-soon), Jeong Ryeo-won (Dong-hyeon), Ma Dong-seok (Beom-no), Jang Young-nam (Gye-jeong), Kim Hyeong-jong



Dim lights Embed Embed this video on your site


sitemap

Add comment

Effettuando il login si hanno più opzioni e non è necessario inserire il captcha a ogni messaggio.
Sono vietati messaggi discriminatori, offese o insulti, spam di qualsiasi tipo, incitamento alla pirateria informatica. I commenti che non rispettano queste semplici regole saranno eliminati senza preavviso dalla redazione.

Security code
Refresh

Share on facebook