404 Not Found

Not Found

The requested URL /track was not found on this server.

You are here:   Home Film Corea del Sud El Condor Pasa (2012)

El Condor Pasa (2012)

Tuesday, 06 November 2012 11:02 Emanuele Sacchi Film - Corea del Sud
Print

el_condor_pasa_0Padre Park è molto affezionato a una ragazzina della sua piccola parrocchia, sola e abbandonata da tutti. Ma la tragedia incombe, quasi a presagire la morte della bambina, che avviene in circostanze misteriose. La sorella maggiore Soo-hyun viene quindi in contatto (e in conflitto) con il prete, condividendo con lui il dolore per una perdita inspiegabile.

La religione cattolica è sempre oggetto di un'attenzione particolare presso il cinema sudcoreano. Perdono, pietà, redenzione, peccato sono i temi forti di cui si è nutrito il cinema di Lee Chang-dong (Secret Sunshine), Lee Jeong-hyang (A Reason to Live), Woo Min-ho (Man of Vendetta) e più recentemente il premiato  Kim Ki-duk di Pieta. Ora è la volta di Jeon Soo-il, autore discusso, presente in concorso a Venezia nel 2007 con With the Girl of Black Soil e non più ripetutosi a quei livelli. El Condor Pasa risente in maniera evidente del trattamento Jeon Soo-il, come se il ritmo della vita, ma soprattutto del pensiero umano, venisse forzatamente rallentato, in una ricerca spasmodica della solennità del gesto, della drammaticità di ogni inquadratura. Forse un eccesso di autorialità, forse di autoindulgenza, ma è impossibile non avvertire la mano del regista, che si vorrebbe demiurgo di una vicenda in qualche modo esemplare; della crisi di valori, dell'inesplicabilità della tragedia, specie quando la sua dimensione è quotidiana e vicina a noi, del sesso come unica risposta possibile dell'uomo per sentirsi vivo.
Anche il lavoro sulle scenografie è altrettanto marcato: ambienti scarni, disadorni, destinati a incrementare il senso di sconforto dello spettatore e a calarlo nel contesto di smarrimento di prete e ragazza; e così l'uso delle dissolvenze e dei raccordi, costantemente (artatamente?) in nero. Padre Park, interpretato con la consueta audacia da Cho Jae-hyun, il Bad Guy di Kim Ki-duk, non risponde a domande che riguardano l'esistenza del paradiso, si arresta di fronte all'orrore disarmato da una mancanza di fede, in se stesso ancor prima che in Dio. Il percorso di redenzione culminerà in un simbolico viaggio in Perù, tra visioni di bambine ora ingannatrici ora salvifiche (assai ambigue le soggettive, quasi a sottolineare un non detto tra sacerdote e bambine, in cui il pensiero scatta immediatamente ai recenti casi di pedofilia), chiosa iper-autoriale che non fa che ribadire la natura di El Condor Pasa, algida ed eccessivamente meditata, più che effettivamente sentita.


paese: Corea del Sud
anno: 2012
regia: Jeon Soo-il
sceneggiatura: Jeon Soo-il
attori: Cho Jae-hyun, Bae Jeong-hwa




sitemap

Add comment

Effettuando il login si hanno più opzioni e non è necessario inserire il captcha a ogni messaggio.
Sono vietati messaggi discriminatori, offese o insulti, spam di qualsiasi tipo, incitamento alla pirateria informatica. I commenti che non rispettano queste semplici regole saranno eliminati senza preavviso dalla redazione.

Security code
Refresh

Share on facebook