404 Not Found

Not Found

The requested URL /track was not found on this server.

You are here:   Home Film Corea del Sud Our Sunhi (2013)

Our Sunhi (2013)

Sunday, 15 September 2013 14:24 Emanuele Sacchi Film - Corea del Sud
Print

our_sunhi_0Sun-hi, studentessa di cinema, è al centro delle attenzioni di tre uomini: il suo ex, Mun-su, il suo professore, Choi, e il regista Jae-hak. Ma anche i tre uomini si conoscono e, inconsapevoli, parlano tra loro di Sun-hi; i dialoghi e i consigli finiscono così per ripetersi e intrecciarsi, fino a perdere di significato.

Come ogni autore fortemente tipizzato ed estraneo a qualunque volontà di abbandono dei temi di elezione, così anche Hong Sang-soo - come Allen o De Palma, per citare solo due esempi - si presta a ogni genere di invettiva o di elogio. Chi lo odia per i suoi insistiti stereotipi e per il ritorno sui medesimi temi, in un esercizio che sa di Queneau e Resnais ma alla lunga stanca; chi lo ama e vede in lui uno degli ultimi teorici rimasti, capace di azzerare la narrazione per giocare con lo stile e con variazioni impercettibili ma fondamentali. Our Sunhi sembrerebbe avere le qualità per convertire tutti o quasi alla seconda fazione: perché mai come qui il regista coreano anela all'astrattismo puro, ponendosi molti livelli al di sopra della narrazione per poi tornare all'interno di essa, repentino e inatteso come lo zoom della macchina da presa, a lui tanto caro (per sottolineare inesorabilmente il momento topico di uno scambio lui-lei).
Nella delicatezza di questo ménage à quatre che forse non è neanche un ménage, l'amore per il cinema va di pari passo con l'amore per l'amore del cinema; le carezze tra Jae-hak (interpretato dal grandissimo Jung Jae-young) e Sun-hi, o il loro saluto sotto un ombrello, potrebbero appartenere al Chaplin più romantico, così come il surreale girare a vuoto dei tre uomini intorno a Sun-hi (o alla proiezione totalmente solipsistica e maschile di un presunto oggetto d'amore) sembra provenire da sequenze di Tati o Iosseliani. Hong Sang-soo acquisisce consapevolezza e padronanza a ogni passo, in un genere a sé stante, che non è (più) né francofilo né tipicamente sudcoreano; assomiglia all'unico cinema d'autore tradizionalmente inteso che sia possibile girare nella confusione del terzo millennio. Forse appartiene anche Hong a questa confusione, ma - dall'interno o dall'esterno che sia - pare interpretarla con astuzia senza eguali.


paese: Corea del Sud
anno: 2013
regia: Hong Sang-soo
sceneggiatura: Hong Sang-soo
attori: Jeong Yu-mi, Lee Seon-gyun, Kim Sang-jung, Jeong Jae-yeong, Lee Min-woo, Ye Ji-won



Dim lights Embed Embed this video on your site


sitemap

Add comment

Effettuando il login si hanno più opzioni e non è necessario inserire il captcha a ogni messaggio.
Sono vietati messaggi discriminatori, offese o insulti, spam di qualsiasi tipo, incitamento alla pirateria informatica. I commenti che non rispettano queste semplici regole saranno eliminati senza preavviso dalla redazione.

Security code
Refresh

Share on facebook