404 Not Found

Not Found

The requested URL /track was not found on this server.

You are here:   Home Film Corea del Sud Good Lawyer's Wife, A (2003)

Good Lawyer's Wife, A (2003)

Thursday, 20 January 2011 12:52 Matteo Di Giulio Film - Corea del Sud
Print

good_lawyers_wife_0Moglie annoiata e trascurata, marito in carriera - perdipiù con amante passionale -, figlioletto adottato ma adorato da entrambi. Sulle basi di una famiglia in fase di disgregamento Im Sang-soo tesse un melodramma poco misurato che sfocia nella carnalità sensuale dell'adulterio ripetuto con convinzione e sprezzo della morale. Il contrappasso è una vendetta disperata e allucinante che coinvolge l'unico innocente, vittima dell'infedeltà altrui subìta di riflesso.

Il postulato parte da un errore - voluto - in partenza, una sorta di sillogismo contenuto nel titolo: la moglie non può essere fedele se l'avvocato non è bravo (cosa non appurabile, anche se l'unico confronto in aula fa propendere per l'esatto contrario). E in effetti l'inganno in cui viene tratto lo spettatore a primo acchito è un paralogismo tattico tanto riuscito quanto compiaciuto: una volta scoperto il gioco il risultato è presto intuito. Il problema allora è di riferimenti e consapevolezza. Im si diverte a citare prodotti già assimilati (Sympathy for Mr. Vengeance, Lies) e a cedere a tentazioni autoreferenziali nel tentativo di stupire. Ma il suo fare cinema - che prevede i finto trasgressivi e un po' sopravvalutati Girls' Night Out e Tears - è perlopiù un ruffiano assemblaggio (se non addirittura un calco preciso) di scarsa personalità. Nonostante la premessa deludente e qualche momento francamente disarmante - le peregrinazioni notturno-danzerecce dell'insofferente Moon So-ri; i mezzucci come l'aborto e l'incidente stradale; il complesso simil edipico rovesciato; le improbabili escursioni nottetempo -, A Good Lawyer's Wife si segnala piuttosto per la crudezza di certi passaggi psicologici, per l'inattesa delicatezza con cui è tratteggiato il difficile rapporto padre-figlio e per le insistite scene, anche piuttosto spinte, di sesso. Da qui - un'abbondante sufficenza e poco più - a farne un alfiere festivaliero di un'intera cinematografia in fermento c'è una bella differenza.

 


paese: Corea del Sud
anno: 2003
regia: Im Sang-soo
sceneggiatura: Im Sang-soo
attori: Moon So-ri (Eun Ho-jeong), Kim In-mun (Ju Chang-geun), Yun Yeo-Jong (Hong Byeong-han), Bong Tae-gyu (Shin Ji-woon), Baek Jeong-rim (Jim Yeon), Hwang Jeong-min

sitemap

Add comment

Effettuando il login si hanno più opzioni e non è necessario inserire il captcha a ogni messaggio.
Sono vietati messaggi discriminatori, offese o insulti, spam di qualsiasi tipo, incitamento alla pirateria informatica. I commenti che non rispettano queste semplici regole saranno eliminati senza preavviso dalla redazione.

Security code
Refresh

Share on facebook