404 Not Found

Not Found

The requested URL /track was not found on this server.

You are here:   Home Film Corea del Sud Holiday in Seoul (1997)

Holiday in Seoul (1997)

Friday, 21 January 2011 04:20 Stefano Locati Film - Corea del Sud
Print

holiday_in_seoul_0Una città di notte, due storie (e mezza) narrate da tre punti di vista. Un fattorino-cameriere è attratto da una modella, cliente abituale dell'hotel in cui lavora, dove lei si reca per trascorrere qualche tempo di passione con l'ambiguo amante; quando quest'ultimo viene investito da un auto, il fattorino trova il coraggio per farsi avanti. Una centralinista ribelle e insofferente, che dialoga ai telefoni pubblici con il padre morto prima che lei nascesse, si fa accompagnare in percorsi casuali da un tassista, aprofittando per leggere qualche libro. Lui l'asseconda: d'altronde fa il tassista perché soffre d'insonnia, e accompagnare le persone per le strade della città lo aiuta a rilassarsi. Due uomini (il cameriere e il tassista), che inseguono senza speranza due donne (la modella e la centralinista), a loro volta costrette a sognare una passione irraggiungibile (il ragazzo morto l'una, un uomo sposato l'altra).

Sarà per le lunghe escursioni in moto in una città notturna illuminata dai neon, o per il disperato onanismo in calze a rete, ma tutti gli indizi portano al Wong Kar-wai di Angeli perduti (compresi i monologhi e le inquadrature sghembe). Tentativo ambizioso, per Kim Eui-suk, specializzato in commedie più o meno romantiche; ambizioso e azzardato, però, destinato com'è a naufragare in retorici feticismi che scolorano nella farsa. La passione del fattorino per le gambe lunghe, la storiella della centralinista che non porta biancheria intima o i fraseggi erotico-telefonici della ragazza disperata vorrebbero forse raccontare il lato invisibile e oscuro delle notti di Seoul, ma sono gestiti con tale trasporto voyeurista da risultare balbuzienti divagazioni da osteria. L'evidente piacere nel descrivere personaggi liminali - morbosi outsider destinati a nulla di buono - non si focalizza in una narrazione omogenea, impedendo l'identificazione empatica dello spettatore - destinato più che altro a sorridere dei prevedibili eccessi.

 


paese: Corea del Sud
anno: 1997
regia: Kim Eui-suk
sceneggiatura:
attori: Choi Jin-shil, Jang Dong-gun, Kim Min-jong, Jin Hee-kyun, Lee Kyung-yung, Cha Seung-won, Kim Il-woo

sitemap

Add comment

Effettuando il login si hanno più opzioni e non è necessario inserire il captcha a ogni messaggio.
Sono vietati messaggi discriminatori, offese o insulti, spam di qualsiasi tipo, incitamento alla pirateria informatica. I commenti che non rispettano queste semplici regole saranno eliminati senza preavviso dalla redazione.

Security code
Refresh

Share on facebook