Nightmare, A (2000)

nightmare_kr_0Il debuttante Ahn Byung-ki deve essere cresciuto a pane e horror: è oggi il più accreditato alfiere del brivido nel panorama sud coreano, dopo il successo al box office di questo A Nightmare e del successivo The Phone. Peccato che entrambi siano prodotti dozzinali, sopravvalutati e fortemente, eccessivamente derivativi, per di più fastidiosamenti auto-celebrativi a dimostrazione di un ego (e capacità) da ridimensionare.

In una storia tutto sommato semplice - una suicida torna dalla morte per vendicarsi sanguinariamente degli amici che l'avrebbero spinta al fatidico gesto - Ahn mette insieme una serie di situazioni plastiche assortite a ripetizione, senza un vero filo conduttore, secondo un'estetica del caso e del bel vedere. La sovrabbondanza di ralenti, foto-stop, step-framing, carrellate, effettacci (soprattutto sonori), montaggio frenetico è una stucchevole esibizione di competenza, tanto ostentata quanto inutile e fastidiosa. A Nightmare non è certo la rivoluzione annunciata, piuttosto un flebile plagio di modelli stranieri - Ring; Scream; So cosa hai fatto - e pertanto un'obsoleta scorciatoia verso un thriller autoctono e al tempo stesso globalizzato. Il produttore Stanley Kim, non a caso, era l'artefice del blockbuster The Soul Guardians. Da buon fan dell'horror - gli si deve dar atto di un piglio tradizionalista - Ahn conta molto sulle numerose scene cruente (l'intrigante inizio nell'obitorio), inserite ogni tanto, gratuitatamente, per non annoiare il pubblico; nobilitate dal TMC724, un particolare tipo di silicone ideato per l'occasione e spacciato dai produttori come sostanza che aiuta la gente a sembrare più morta. Il merito del film, davvero l'unico, è allora solo l'aver lanciato lo charme e il magnetismo (qui diabolico, in altre circostanze - Sex is Zero; Reversal of Fortune - sexy e simpatico) dell'esordiente Ha Ji-won, mal assistita dai più blasonati compagni di avventura. Grande successo in patria (dove horror e thriller non sono sempre all'altezza degli altri generi), la pellicola è stata presentata in pompa magna al Puchon Internationl Fantastic Film Festival e - più in sordina, come gli si conviene - al Far East udinese. A Nightmare è conosciuto con due titoli, uno dei quali, The Scissors, è dovuto a una traduzione errata dell'originale Gawi.

 


paese: Corea del Sud
anno: 2000
regia: Ahn Byung-ki
sceneggiatura: Ahn Byung-ki, Won Jong-hun
attori: Kim Gyu-ri (Hye-jin), Ha Ji-won (Eun-ju), Choi Jeong-yun (Sun-ae), Yoo Ji-tae (Hyun-joon), Yu Jun-sang, Jeong Jun