404 Not Found

Not Found

The requested URL /track was not found on this server.

You are here:   Home Film Corea del Sud Shiri (1999)

Shiri (1999)

Monday, 24 January 2011 03:05 Stefano Locati Film - Corea del Sud
Print

shiri_0L’élite militare della Corea del Nord, addestrata tramite inumane stragi dei soldati più deboli, riesce a piazzare un’assassina in incognito nel Sud, testa di ponte per un’azione di forza che porti alla riunificazione. Due agenti segreti di Seoul, Ryu e Lee, indagando sulla scia di conseguenti omicidi, si imbattono nei piani per rubare il CTX - innovativa bomba liquida indistinguibile dall’acqua. Obiettivo primo è la partita di calcio tra i due paesi che celebra un paventato riavvicinamento pacifico.

Kang Je-gyu (noto all’estero come Jacky Kang) deve qui confermare il successo del precedente The Gingko Bed, seminale melò-fantasy campione ai botteghini, ma tutto sommato piuttosto deludente; lo fa imboccando la strada di un action adrenalinico imbastardito con innesti politici e violenza a fior di pelle. Strategia vincente, se è vero che per la prima volta in molti anni un film locale torna in testa alla classifica dei film più visti, inaugurando una florida stagione - si vedano i successivi Joint Security Area, Friend o Marrying the Mafia: Shiri frantuma ogni precedente record e tiene facilmente testa a blockbuster come La Mummia, Matrix e persino il Titanic (tanto che i giornali - shiri è il nome di un pesce d’acqua dolce presente solo nei laghi della Corea centrale - scherzano sul “piccolo pesce che affonda il transatlantico”).
Siamo lontani da raffinate indagini psicologiche, e il tono rimane belligerante e schierato (lo spietato Nord rintronato dalla propaganda e l’attraente Sud in grado di far cambiare anche l’assassino più efferato), ma una schietta dinamicità nelle scene d’azione e un’attenzione insolita ai sentimenti minimizzano gli svarioni. Merito, se non di una sceneggiatura equilibrata ma avida di novità essenziali, di attori convincenti in grado di mettere a frutto i lati più oscuri e perturbanti della storia. Bravo Han Suk-gyu, ma a donare colore e profondità sono i personaggi secondari, dallo sprovveduto Song Kang-ho (comunque in ombra rispetto all'exploit di The Foul King), allo spietato Choi Min-shik (ha vinto un Grand Bell Award per la sua interpretazione) fino all'apparentemente fragile Kim Yun-jin (attrice nata a New York e convinta a tornare in patria dopo il successo di una serie tv).

 


paese: Corea del Sud
anno: 1999
regia: Kang Je-gyu
sceneggiatura: Kang Je-gyu, Park Je-hyun
attori: Han Suk-kyu (Ryu), Song Kang-ho (Lee), Kim Yun-jin (Hyun), Choi Min-shik (Park)

sitemap

Add comment

Effettuando il login si hanno più opzioni e non è necessario inserire il captcha a ogni messaggio.
Sono vietati messaggi discriminatori, offese o insulti, spam di qualsiasi tipo, incitamento alla pirateria informatica. I commenti che non rispettano queste semplici regole saranno eliminati senza preavviso dalla redazione.

Security code
Refresh

Share on facebook