404 Not Found

Not Found

The requested URL /track was not found on this server.

You are here:   Home Film Corea del Sud You Are My Sunshine (2005)

You Are My Sunshine (2005)

Tuesday, 25 January 2011 03:20 Stefano Locati Film - Corea del Sud
Print

you_are_my_sunshine_0Park Jin-pyo ha deciso di rimanere fedele alla linea aggressiva adottata nel suo esordio. In Too Young to Die aveva messo in scena il desiderio sessuale della vecchiaia, riprendendo con stile documentario la vitalità nel decadimento. Con You are My Sunshine affronta un altro tabù, quello dell'Aids. Il film parte come un classico melodramma rurale: Seok-jong è un bovaro ingenuo e premuroso, gentile ma incapace di rapportarsi con l'altro sesso. Deciso a trovarsi una moglie, si aggrega a un viaggio nelle Filippine per trovare la donna giusta, ma si rende conto di non voler sposare qualcuno senza amarlo. Tornato a mani vuote, finisce con l'innamorarsi di Eun-ha, nuova ragazza che lavora in un bar di consegne di caffé a domicilio.

Tutta la prima metà del film è incentrata sui goffi tentativi di Seok-jong di conquistare Eun-ha: le regala rose e latte appena munto, l'accompagna a casa in motorino, prenota del caffé nei motel senza fare avance, solo per permetterle di riposarsi. Eun-ha sopporta ma non apprezza queste profferte tanto scoperte, eppure, dopo uno scatto d'orgoglio in cui rivendica la propria individualità di donna, e in seguito a un litigio con un cliente che la porta in ospedale, decide di accettare la richiesta di matrimonio di Seok-jong. Tutto pare procedere per il meglio, e anche la madre di Seok-jong si convince che Eun-ha sia una ragazza a posto. Ma Eun-ha nasconde un segreto e un passato oscuri: all'improvviso spunta infatti un altro uomo, che sostiene di essere suo marito, e la reclama indietro. Il mondo di Seok-jong si sgretola, anche considerato che il dottore del paese gli rivela che Eun-ha è risultata positiva all'Hiv in un esame del sangue. Eppure l'uomo non vuole arrendersi e continua a lottare per mantenere vivo il suo amore...
Lontanissimo dalle esasperazioni tragiche stile A Moment to Remember (di John H. Lee, 2004), dove la malattia debilitante è solo un facile pretesto per indurre lacrime ricattatorie negli spettatori, Park Jin-pyo elabura un film elegante, che predispone le carte con cura prima di mostrare la propria mano. Tramite la lunga parentesi iniziale - per quanto persino scontata e risaputa, essendo la solita variante, ormai stopposa, sull'uomo solo che si innamora di una prostituta - introduce i personaggi, trasformandoli in persone reali, credibili. Da questo punto di vista bravissimi sono gli attori, sia Jeon Do-yeon, tanto naturale da risultare disarmante, che Hwang Jung-min, con quello sguardo introverso e imbronciato che lo caratterizza. Anche nella seconda parte il problema della malattia è mostrato con acume, tanto che lo shock della notizia viene amplificato, propagandosi tra gli amici di Seok-jong fino a diventare un caso nazionale. Park non sceglie la strada più semplice, quella della messa in primo piano dei disagi e della disperazione, ma con continue ellissi mostra solo le conseguenze. E nonostante un finale melodrammatico e urlato, la nota di speranza rimane commovente nella sua testarda semplicità, contro la logica e la società bigotta e impaurita. Un film imperfetto, probabilmente troppo scopertamente "a tesi", con quella sua voglia di dimostrare fino a che punto l'amore possa mettersi in gioco. Ciononostante coraggioso.

 


paese: Corea del Sud
anno: 2005
regia: Park Jin-pyo
sceneggiatura: Park Jin-pyo
attori: Jeon Do-yeon (Eun-ha), Hwang Jeong-min (Seok-jong), Na Moon-hee (madre di Seok-jong), Seo Joo-hee (Kyu-ri), Yoon Je-moon (Jae-ho), Ryu Seung-soo (Chul-kyu)

sitemap

Add comment

Effettuando il login si hanno più opzioni e non è necessario inserire il captcha a ogni messaggio.
Sono vietati messaggi discriminatori, offese o insulti, spam di qualsiasi tipo, incitamento alla pirateria informatica. I commenti che non rispettano queste semplici regole saranno eliminati senza preavviso dalla redazione.

Security code
Refresh

Share on facebook