404 Not Found

Not Found

The requested URL /track was not found on this server.

You are here:   Home Film Corea del Sud Bestseller (2010)

Bestseller (2010)

Sunday, 30 January 2011 23:10 Stefano Locati Film - Corea del Sud
Print

bestseller_0Scrittura creativa e plagio, una magione isolata, fantasmi, ossessioni che si approfondiscono: gli elementi rimandano con prepotenza allo Stephen King di Shining o Secret Window, per rimanere a trasposizioni cinematografiche: Bestseller non è però solo una variante, quanto un sofisticato gioco di deduzioni, teso a sprofondare la protagonista in un gorgo di misteri che si riaffacciano dal passato, sia personale che ambientale, per infestare il presente.

Baek Hee-soo è una scrittrice di successo con all'attivo numerosi bestseller. Il suo ultimo libro è stato però accusato di plagio e lei non riesce a scendere a patti con l'onta, allontanandosi dalla scrittura. Dopo due anni di silenzio, il suo agente le propone di tornare al lavoro, invitandola a isolarsi in una remota casa nei boschi. Hee-soo vi si reca con la figlia, Yeon-hee, ma è preda di un blocco che lascia lo schermo del computer completamente bianco. Almeno fino a quando la figlia non inizia a raccontarle la storia che le ha bisbigliato una presenza invisibile, riguardante un vecchio mistero  irrisolto avvenuto nella casa. Hee-soo inizia a indagare sulla vicenda e pubblica un romanzo ispirato agli eventi. Il libro, però, è nuovamente accusato di aver copiato da un testo scritto oltre dieci anni prima, di uno scrittore ormai morto. Questa volta Hee-soo è decisa ad andare sino in fondo, per scoprire qual è il segreto custodito dalla casa.
Lee Jeong-ho, al suo esordio dopo l'aiuto regia in Ghost/Dead Friend (2004), Vampire Cop Ricky (2006) e Shim's Family (2007), costruisce un mystery sovrannaturale in bilico tra i generi, che con intelligenza non protrae a dismisura l'attesa per le immancabili rivelazioni, relegandole forzatamente al finale, ma anzi le moltiplica, da metà film in avanti, con continui scarti. Questa costruzione a incastri continua a spostare il fuoco dell'obiettivo, dalla presunta possibile follia di Hee-soo alla relazione problematica con la figlia, dal passato dello scrittore morto a ciò che nascondono gli abitanti. La scelta aiuta a mantenere desta l'attenzione, lasciando lo spettatore in una costante sensazione d'attesa, ma è al contempo il limite principale di una scrittura meccanica, che tenta di far entrare nello spazio limitato della visione trame e particolari diversissimi, lasciando sfumati molti personaggi e tralasciando molti dettagli. La rincorsa a stupire rimane affascinante, ma alla lunga diventa affannosa, anche perché nella maggior parte dei casi prevedibile. Il senso crepitante di minaccia degli abitanti del luogo è reso con consumato mestiere, complice anche la ricostruzione minuziosa della casa e degli ambienti; anche Eom Jeong-hwa è brava nel ritrarre una donna perennemente sul baratro della crisi esistenziale. Bestseller risulta però troppo costruito, a partire dalle musiche enfatico-invasive di Kim Jun-seong, per riuscire a instillare brividi genuini. E' un ottimo esempio di cinema intelligente e meditato, cui però manca di immergersi realmente nelle viscere, di farsi carne.

 


paese: Corea del Sud
anno: 2010
regia: Lee Jeong-ho
sceneggiatura: Lee Jeong-ho
attori: Eom Jeong-hwa (Baek Hee-soo), Ryoo Seung-yong (Park Yeong-joon, her husband), Park Sa-rang (Yeon-hee, their daughter), Lee Do-kyeong (Chan-sik's father), Jo Jin-woong (Chan-sik), Lee Sung-min (editore), Choi Mu-seong, Jo Heui-bong, Oh Jeong-se



Dim lights Embed Embed this video on your site

sitemap

Add comment

Effettuando il login si hanno più opzioni e non è necessario inserire il captcha a ogni messaggio.
Sono vietati messaggi discriminatori, offese o insulti, spam di qualsiasi tipo, incitamento alla pirateria informatica. I commenti che non rispettano queste semplici regole saranno eliminati senza preavviso dalla redazione.

Security code
Refresh

Share on facebook