404 Not Found

Not Found

The requested URL /track was not found on this server.

You are here:   Home Film Corea del Sud Black Heart / Beyond All Magic / Delivering Love (2008)

Black Heart / Beyond All Magic / Delivering Love (2008)

Saturday, 05 February 2011 04:01 Stefano Locati Film - Corea del Sud
Print

black_heart_0Una fiaba surreale e vaporosa perennemente sospesa tra tocco leggero da commedia e affondo drammatico strappalacrime. La quotidianità di tre generazioni di donne - nonna, madre e figlia - si intreccia con quella di un allampanato ragazzo con la mania per dipinti e giochi di prestigio.

In un piccolo centro rurale, Nam-hee si affanna a vendere frutta e verdura su un furgoncino arrancante. Attaccata ai soldi, deve accudire la madre, Gan-nang, affetta da Alzheimer, e la figlia, Na-rae, di rientro da una fuga nella capitale, in cui ha cercato di perseguire la carriera di presentatrice tv. Una sera, sulla strada del ritorno, quasi investe Joon, ragazzo sperduto con in testa una corona di fiori. Joon fa presto breccia nel cuore delle tre donne, colpite dall'incontro ciascuna a suo modo, ma la convivenza genera qualche imprevisto.
Jo Nam-ho, al suo esordio dopo aver collaborato con Park Kwang-su fin dai tempi di The Uprising (1998), appronta un film soave, ingenuo, eccentrico ed eccessivo nell'espressione dei sentimenti, che partendo da una storia esile cerca di fare presa a partire dalla simpatia dei personaggi. Un po' Il favoloso mondo di Amelie (Jean-Pierre Jeunet, 2001), un po' Benny & Joon (Jeremiah S. Chechik, 1993), per i toni pastello trasognati, Black Heart - altrimenti noto come Beyond All Magic o Delivering Love - è però dispersivo e non riesce ad andare oltre una buona premessa. E' innegabile che i personaggi siano accattivanti, merito delle due veterane Shim Hye-jin (Black Republic, The Gingko Bed, Green Fish) e Kim Soo-mi, attiva sin dalla metà degli anni '70, cui si affiancano i volti freschi di Lee Sang-woo e Lee Da-hee, ma all'istintuale empatia che emanano non corrisponde eguale progressione narrativa, lasciata alla deriva. Un film di buoni sentimenti e pennellate a mezzo tono, in cui più che al grande amore si guarda al ritorno all'infanzia come modalità principale di evasione dalle storture della vita.

 


paese: Corea del Sud
anno: 2008
regia: Jo Nam-ho
sceneggiatura: Hwang Seong-goo, Lee So-yeong
attori: Shim Hye-jin (Park Nam-hee), Lee Sang-woo (Joon), Lee Da-hee (Jang Na-rae), Kim Soo-mi (Kim Gan-nan), Lee Kye-in (Jeong)

sitemap

Add comment

Effettuando il login si hanno più opzioni e non è necessario inserire il captcha a ogni messaggio.
Sono vietati messaggi discriminatori, offese o insulti, spam di qualsiasi tipo, incitamento alla pirateria informatica. I commenti che non rispettano queste semplici regole saranno eliminati senza preavviso dalla redazione.

Security code
Refresh

Share on facebook