404 Not Found

Not Found

The requested URL /track was not found on this server.

You are here:   Home Film Corea del Sud Detective K (2011)

Detective K (2011)

Monday, 20 June 2011 12:00 Maurizio Encari Film - Corea del Sud
Print

detective_k_0Seconda prova dietro la macchina da presa per Kim Seok-yoon dopo la trasposizione cinematografica della serie tv Old Miss Diary (2006), Detective K è un'avvincente avventura in costume che divide equamente le sue atmosfere tra ispirati istinti comici ed esaltanti scene action. Pur non lesinando alcune contorsioni di sceneggiatura, è in grado di regalare una serata all'insegna dell'intrattenimento puro.

La storia vede indagare il personaggio del titolo, infallibile e bizzarro investigatore, su una serie di strani omicidi che potrebbero condurre a una grossa cospirazione ai danni del sovrano. Durante la sua missione l'uomo si imbatte nella misteriosa scomparsa della vedova di una ricca famiglia. Con l'aiuto di un simpatico ladruncolo, il detective scopre una diramata rete di intrighi che mettono più a volte a rischio la sua vita. E in tutto questo che ruolo ha la splendida Han, mercante apparentemente cinica ma dal misterioso passato?
I primi minuti lasciano pensare a un'opera di semplice lettura, dove le risate e l'azione la fanno da padrone. In realtà nel suo svolgimento, il film si apre a diversi spunti di riflessione, inserendo tematiche profonde come quelle della religione e della lotta tra le classi sociali. Pur non arrivando mai all'essenza del dramma introspettivo, non mancano momenti tesi e profondi, in grado di togliere l'apparente patina di superficialità inizialmente paventata. Senza naturalmente nulla togliere alla componente più ludica e spettacolare, che si fregia di un sobrio ma riuscito compendio di effetti speciali, con tanto di due giganteschi lupi ricreati al computer - che portano anche una buona dose di fantastico all'interno della vicenda. Di buona fattura anche il comparto scenografico, e la fotografia fa il suo dovere proponendo scorci magnifici di luoghi dove è la natura a regnare suprema. Egual qualità per ciò che concerne i costumi, i cui colori spesso sgargianti trasformano il mondo antico in una realtà variopinta, salvo poi macchiarla col colore del sangue nelle scene più intense.
Degne di note le interpretazioni del cast: Kim Myung-min, con tanto di sobri baffetti, è irriconoscibile dai tempi di Into the Mirror (2003) o anche del recente Man of Vendetta (2010), in un personaggio ricco di sfumature e pregno di un'ironia malinconica. Di sconvolgente bellezza invece la protagonista femminile Han Ji-min, di ritorno sul grande schermo quattro anni dopo il discreto horror The Cut (2007).
Detective K, di cui si vocifera sia già in preparazione un seguito (e a tal proposito il finale lascia le porte aperte), è un adventure nel senso più puro del termine, divertente e genuino, privo di ambizioni di sorta. Cinema per il grande pubblico realizzato con dovizia e attenzione, in grado di regalare ciò che promette. Niente di più, niente di meno.


paese: Corea del Sud
anno: 2011
regia: Kim Seok-yoon
sceneggiatura: Lee Nam-gyoo, Lee Chun-hyeong
attori: Kim Myeong-min (K), Oh Dal-su (Han Seo-pil), Han Ji-min (Han Gaek-joo/Lee Ah-yeong), Lee Jae-yong



Dim lights Embed Embed this video on your site

sitemap

Add comment

Effettuando il login si hanno più opzioni e non è necessario inserire il captcha a ogni messaggio.
Sono vietati messaggi discriminatori, offese o insulti, spam di qualsiasi tipo, incitamento alla pirateria informatica. I commenti che non rispettano queste semplici regole saranno eliminati senza preavviso dalla redazione.

Security code
Refresh

Share on facebook