404 Not Found

Not Found

The requested URL /track was not found on this server.

You are here:   Home Film Giappone Nightmare Detective (2006)

Nightmare Detective (2006)

Sunday, 06 May 2012 11:28 Armando Rotondi Film - Giappone
Print

nightmare_detective_1_0Costante del cinema di Tsukamoto Shinya è il sublime connubio tra metallo, carne e sangue. Si tratta di elementi ben evidenti sin dall’opera che diede a Tsukamoto grande richiamo internazionale, quel Tetsuo (1989) che rappresenta a buon diritto uno dei capolavori del cinema indipendente e alternativo giapponese. Questa costante ritorna con successo nell’ambizioso Nightmare Detective, film noir che entra, letteralmente, nei meandri della mente umana.

Due misteriosi suicidi, avvenuti con modalità simili, suscitano i sospetti della polizia di Tokyo. Incaricata delle indagini Kirishima Keiko, poliziotto dell’ufficio centrale al suo primo lavoro investigativo. La donna non è convinta che si tratti di suicidi, ma che dietro si celi la mano di qualche misterioso assassinio: entrambe le vittime sembrano morte a seguito di un incubo e la loro ultima telefonata è stata a uno stesso numero di cellulare, registrato come “0”. La mente delle vittime sembra essere stata condizionata dall’uomo che risponde all’altro capo del telefono. L’indagine si spinge così in una dimensione altra, tra realtà concreta e mondo soprannaturale, grazie all’aiuto di Kagenuma, il Nightmare Detective del titolo, un ragazzo in grado di entrare negli incubi delle persone.
Tsukamoto disegna un mondo estremo in cui la solitudine dei personaggi viene accentuata dal loro vivere in città-formicaio, fatte di grattacieli e di grovigli di strade. Ogni personaggio della pellicola vive una propria specifica solitudine: è la solitudine delle vittime, uccise da un killer che ha la capacità di assassinare negli incubi, vittime che cercavano loro stessi il modo per farla finita; è la solitudine del protagonista Kagenuma, che è a tutti gli effetti un diverso, una persona ai margini, che vive il suo potere non come un dono, ma come un tormento; è la solitudine, infine, dello stesso assassino, che, attraverso la morte delle sue vittime, vive un eterno suicidio. Sembra che solo attraverso il suicidio e la morte egli, come le sue vittime, possa dare un senso alla propria vita e, anzi, quasi tornare a vivere. Tsukamoto, in maniera egregia e potente, ci fa entrare nella solitudine di questi individui, penetrando nelle loro menti e nel loro inconscio.
Non siamo di fronte a un film originale per trama, che, a ben guardare, è molto più semplice e lineare di quanto voglia apparire, ma in ogni caso la visionarietà e la fisicità che Tsukamoto sa imprimere, partendo da un sapiente e assordante uso degli effetti sonori, rendono Nightmare Detective un eccellente prodotto, capace di catturare lo spettatore con la sua carica di tensione.


paese: Giappone
anno: 2005
regia: Tsukamoto Shinya
sceneggiatura: Tsukamoto Shinya
attori: Matsuda Ryuhei (Kagenuma Kyoichi), Hitomi (Kirishima Keiko), Ando Masanobu (Wakamiya), Osugi Ren (Sekiya), Tsukamoto Shinya (0)



Dim lights Embed Embed this video on your site


sitemap

Add comment

Effettuando il login si hanno più opzioni e non è necessario inserire il captcha a ogni messaggio.
Sono vietati messaggi discriminatori, offese o insulti, spam di qualsiasi tipo, incitamento alla pirateria informatica. I commenti che non rispettano queste semplici regole saranno eliminati senza preavviso dalla redazione.

Security code
Refresh

Share on facebook