404 Not Found

Not Found

The requested URL /track was not found on this server.

You are here:   Home Film Giappone For Love's Sake / Ai to Makoto (2012)

For Love's Sake / Ai to Makoto (2012)

Wednesday, 23 May 2012 11:51 Giampiero Raganelli Film - Giappone
Print

for_loves_sake_0Tratto dal manga Ai to Makoto di Kajiwara Ikki, l’autore di L’Uomo Tigre, e Nagayasu Takumi, già trasposto al cinema negli anni '70, l’ultimo film di Miike inizia, e finisce, in forma di anime. È il prologo della vicenda, ambientato in una pista da sci, che vede il primo incontro dei due protagonisti, da bambini. Ai, che si è persa, viene salvata da Makoto. Da subito un’enunciazione delle due coordinate su cui si muoverà il film: il sangue che sgorga dalla fronte di lui, le macchie di rosso che imbrattano il candore della scena tra le nevi, e il divario sociale: Makoto rinfaccia ad Ai di vivere in una grande villa. Passano 11 anni, Miike torna in live action, e tutto è pronto perché i due, ormai adolescenti, si reincontrino. Siamo nel 1972, nel pieno boom economico del Sol Levante.

L’eclettismo di Miike porta il film al genere musical per una storia infarcita di scorribande e schermaglie tra gang giovanili femminili per le strade di Shinjuku. Il regista confeziona così un suo personale West Side Story postmoderno e psichedelico, dai colori saturi, con personaggi dalla chioma rockabilly e riferimenti al leggendario personaggio Gekkō Kamen. E il film è tutto giocato su un parossistico contrasto tra alto e basso della società, tra gli interni borghesi spinti al limite del kitsch e il disordine e la sciattezza degli slum. Tutto si gioca tra due opposti estetismi, caricati e caricaturali. Da una parte la casa ovattata della protagonista ridondante di marmo e dominata da uno stucchevole colore giallo, che sembra uscita da un mélo anni cinquanta: e poi il college con gli studenti in gilet e la scena dell’incontro tra i due sullo sfondo di una magnolia splendidamente fiorita. Sembra quasi, anche per l’abbondanza di riferimenti floreali, sia nel film che nei testi delle canzoni, che Miike assimili quell’estetica sirkiana di 8 donne e un mistero, anche se il paragone è ovviamente forzato. Dall’altra i detriti, il caos, i banchi e le sedie accatastati, le stanze devastate e traboccanti di rifiuti del covo della gang di ragazze. E in mezzo una Tokyo caotica che pulsa di luci al neon e colori sgargianti.
Miike regala le sua classiche punte di delirio. La scena centrale nel numero di musical che avviene all’interno di un teatro di Shinjuku e che inizia come spettacolo di burattini di carta. E il finale planetario del tutto simile a quello di Dead or Alive. Il tutto in un film il cui motore principale è l’amore che, come nota Tom Mes, è la ragione d’essere di tutto il cinema di Miike. Ma «l’amore non è pace. L’amore è un campo di battaglia», come recita la frase d’apertura del film.


paese: Giappone
anno: 2012
regia: Miike Takashi
sceneggiatura: Takuma Takayuki
attori: Tsumabuki Satoshi (Makoto), Takei Emi (Ai), Ando Sakura, Hitoto Yo, Ichimura Masachika, Ihara Tsuyoshi, Maeda Ken



Dim lights Embed Embed this video on your site


sitemap

Add comment

Effettuando il login si hanno più opzioni e non è necessario inserire il captcha a ogni messaggio.
Sono vietati messaggi discriminatori, offese o insulti, spam di qualsiasi tipo, incitamento alla pirateria informatica. I commenti che non rispettano queste semplici regole saranno eliminati senza preavviso dalla redazione.

Security code
Refresh

Share on facebook