404 Not Found

Not Found

The requested URL /track was not found on this server.

You are here:   Home Film Giappone Sukiyaki (2011)

Sukiyaki (2011)

Thursday, 24 May 2012 11:10 Emanuele Sacchi Film - Giappone
Print

sukiyaki_0Capodanno è l'unico momento dell'anno in cui i detenuti di un carcere assaporano il cibo che hanno scelto di mangiare. I cinque inquilini della cella in cui finisce Kenta hanno istituito una tradizione: alla vigilia dell'anno nuovo si raccontano reciprocamente storie delle loro vite precedenti legate a piatti indimenticabili.

Tema non nuovissimo quello del cibo e dell'ossessione per esso nel cinema giapponese; e se già è usuale assistere a personaggi alle prese con un quantitativo innumerevole di pasti quotidiani, è facilmente presumibile il livello di attenzione dedicato al cibo in ambiente carcerario. Per i cinque curiosi inquilini della cella di Sukiyaki raccontarsi le prelibatezze gustate quando erano uomini liberi è diventata una ragione di vita, una chance per affinare l'arte dello storytelling e ingannare la gravità della situazione contingente. Qualcosa che assomiglia al modo di raccontare storie dello stesso Maeda Tetsu, che certo non percorre la via di uno Shock Corridor fulleriano in cui rivivere sogni e incubi di ciò che sta fuori, bensì stempera il tema in una commedia leggera come una piuma. Divertire in maniera spensierata come unico imperativo, mantenendo il registro su un livello piuttosto basso e rivolto a un pubblico di poche pretese: flatulenze, difetti fisici e incursioni nel surreale i temi ricorrenti di gag tendenzialmente antiche quanto le barzellette di paese che le mosche da bar sono solite raccontarsi davanti a una birra. Esaurita la già scarsa vis comica con la prima parte, la seconda metà prova a virare verso il mélo, mettendo in scena la più classica delle storie tra il bello e maledetto, yakuza per necessità più che per vocazione, e una devotissima e amorevole fidanzatina non ricompensata dall'affetto che meriterebbe. Anche qui stereotipi a profusione, per un racconto – tratto dal manga di Tsuchiyama Shigeru – che si avvale di colori carichi e immagini semplici per intrattenere senza approfondire. Obiettivo centrato, se ciò che si chiede al cinema è un'ora e mezza di rilassamento delle attività neuronali.


paese: Giappone
anno: 2011
regia: Maeda Tetsu
sceneggiatura: Habara Daisuke
attori: Nagaoka Tasuku, Katsumura Masanobu, Maro Akaji, Ochiai Motoki, Gitaro, Tabata Tomoko, Kimura Fumino



Dim lights Embed Embed this video on your site


sitemap

Add comment

Effettuando il login si hanno più opzioni e non è necessario inserire il captcha a ogni messaggio.
Sono vietati messaggi discriminatori, offese o insulti, spam di qualsiasi tipo, incitamento alla pirateria informatica. I commenti che non rispettano queste semplici regole saranno eliminati senza preavviso dalla redazione.

Security code
Refresh

Share on facebook