404 Not Found

Not Found

The requested URL /track was not found on this server.

You are here:   Home Film Giappone Tetsuo - The Bullet Man (2009)

Tetsuo - The Bullet Man (2009)

Wednesday, 17 October 2012 10:11 Paolo Villa Film - Giappone
Print

tetsuo_the_bullet_man_0L’ossessione per carne e metallo e il rifiuto delle convenzioni sociali che avevano dato vita per immagini alla creatura tuttora più straordinaria di Tsukamoto, Tetsuo (1989), tornano a invadere gli schermi a distanza di un ventennio, e non lo fanno in una visione seriale del personaggio, andando a riprendere storie e volti familiari visti nell’originale o nella seconda versione Tetsuo II – Body Hammer (1992), ma proponendo una terza installazione di videoarte industrial-bellica che ha i tratti della versione riveduta e corretta (forse un po’ troppo corretta, in almeno un paio di sensi), in particolare corretta a uso e consumo di palati un po’ più accidentalmente normalizzati.

La tranquilla esistenza di Anthony, americano che vive a Tokyo, è sconvolta dalla morte del figlio, investito e massacrato da una misteriosa auto nera sotto gli occhi del padre. Da quel momento, Anthony si chiude in un guscio di apatia e allucinazioni a base di metallo e lampi elettrici, guscio che nemmeno la rabbia della moglie che gli chiede di cercare l’assassino del figlio e di vendicarlo riesce a scalfire. Deve arrivare il giorno in cui un gruppo di uomini armati irrompe in casa sua e cerca di ucciderlo, perché le allucinazioni di Anthony diventino realtà e lui cominci ad agire.
Tetsuo – The Bullet Man ha come caratteristica lampante sin dal primo quarto d’ora la volontà di fornire al suo spettatore una chiave interpretativa del personaggio protagonista, della sua rabbia e della sua trasformazione (e ahimé, anche del suo esito), finendo per diminuire il fascino e il coinvolgimenti subliminale alla distorta realtà percepita da questo novello Tetsuo in giacca e cravatta e lineamenti occidentali. Se infatti il mostro, anche e soprattutto al cinema, attira le attenzioni del pubblico proprio in virtù del mistero che si porta dentro, questo voler giocare a carte scoperte di Tsukamoto gli si rivolge contro: una mostruosità spiegata, inquadrata, razionalizzata è una mostruosità svuotata, anestetizzata, neutralizzata.
E neutralizzato è infatti l’impatto di quelli che sono pur i grandi momenti tecnico-immaginifici di Tetsuo - The Bullet Man, come ad esempio gli inserti in natura morta e montaggio ferratissimo accompagnati da un sonoro quasi perfetto (l’aspetto di gran lunga migliore del film), oppure come il caos dello scontro finale e la contrapposizione ambigua (questa almeno un pochino sì, con quel pizzico di mistero che serve) tra Anthony e il maniaco interpretato dallo stesso Tsukamoto, annacquati nella loro potenza nella convenzione di un quadro di quotidianità di disarmante banalità, corredato di un personaggio femminile che – forse per la prima volta in un film del piccolo folletto nipponico – non riesce a convincere appieno del suo ruolo.
Se il primo Tetsuo era la rivoluzione, la rottura, uno dei film che hanno scardinato il cinema dentro e fuori il Giappone, nei primi anni novanta e seguenti, questo terzo sforzo che ne condivide il titolo e un pezzo della storia, alla fine somiglia più che altro a un bigino “for dummies”, probabilmente utile a chi cerca una porta facile d’ingresso per il cinema di Tsukamoto. Per chi cerca l’hardcore, la “roba buona”, invece rimane sempre il primo, inimitabile Tetsuo, quello che fa testo ancora oggi, a più di vent’anni di distanza.


paese: Giappone
anno: 2009
regia: Tsukamoto Shinya
sceneggiatura: Tsukamoto Shinya, Kuroki Hisakatsu
attori: Eric Bossick, Mono Akiko, Nakamura Yuko, Stephen Sarrazin, Tiger Charlie Gerhardt, Prakhar Jain, Tsukamoto Shinya

Dim lights Embed Embed this video on your site


sitemap

Add comment

Effettuando il login si hanno più opzioni e non è necessario inserire il captcha a ogni messaggio.
Sono vietati messaggi discriminatori, offese o insulti, spam di qualsiasi tipo, incitamento alla pirateria informatica. I commenti che non rispettano queste semplici regole saranno eliminati senza preavviso dalla redazione.

Security code
Refresh

Share on facebook