404 Not Found

Not Found

The requested URL /track was not found on this server.

You are here:   Home Film Giappone After School Midnighters (2012)

After School Midnighters (2012)

Saturday, 20 October 2012 12:22 Stefano Locati Film - Giappone
Print

after_school_midnighters_0Un concentrato di animazione digitale impazzita per l'esordio nel lungometraggio di Takekiyo Hitoshi: allargando il concetto del precedente corto in motion capture After School Midnight (2007), After School Midnighters si rivela un'avventura orrorifica fuori controllo, con personaggi strampalati, situazioni surreali, humor nero e colori notturni. La trama si contorce presto su se stessa, e il target risulta contraddittorio, con l'ambientazione alle elementari che si mescola a un umorismo raffinato di probabile difficile interpretazione per i più piccoli, ma Takekiyo gestisce l'insieme con divertimento bizzarro, capace di elaborate invenzioni e continui scarti nel non-sense.

Alla St. Claire Elementary School stanno per chiudere e rinnovare il laboratorio di scienze. Tre bambine - Mako, Mitsuko e Miko - si intrufolano però nell'aula e scoprono uno dei tanti segreti che custodisce, un modellino anatomico da dissezione in plastica che può prendere vita. Il manichino, di nome Kunstlijk (nome che si rifà a una serie storica realmente esistita e importata in Giappone a fine '800), aiutato dalla spalla Goth, uno scheletro umano, convoca le tre ragazzine quella stessa notte, perché recuperino tre medaglioni in grado, quando uniti, di far avverare un desiderio. Ovviamente Kunstlijk vuole utilizzare i poteri dei medaglioni per scongiurare la chiusura del laboratorio, il suo regno, ma le bambine sono totalmente irresponsabili e pronte ad affrontare qualsiasi pericolo pur di divertirsi.
Manichini scatenati, conigli in formaldeide dalle ascendenze mafiose, poster di compositori animati, un "mostro della piscina nera" e persino una mosca tentacolare che cerca vendetta dopo quarant'anni di prigionia: un insieme di personaggi fuori dalle righe e dalle motivazioni variopinte pronti a scatenarsi sullo sfondo di una scuola labirintica e lussuosa. L'animazione è fluida e spericolata per i personaggi, dalle espressioni facciali ai movimenti, soprattutto per quanto riguarda Kunstlijk e Goth, ma risulta meno dettagliata per le ambientazioni, che lasciano spesso l'impressione di essere sfondi spogli riempiti dai colori in movimento dei protagonisti. Difetto comunque ottimamente celato dall'inventiva straripante, che continua a spingere la storia in territori sempre più deliranti, tra numeri da musical, inseguimenti in moto da cross e l'almbiccata simpatia delle tre piccole pesti, ciascuna caratterizzata da un tono particolare - dalla sapientona snob alla sempliciotta dalla parlantina tagliente, fino alla dark appassionata di entomologia. Talvolta il montaggio lascia l'impressione di segmentare in modo disorganico l'azione, ma non c'è tempo per rifletterci, travolti dalla trovata successiva. After School Midnighters è una piccola produzione indipendente che nonostante le limitazioni di budget riesce a innescare un dirompente effetto empatico con lo spettatore.


paese: Giappone
anno: 2012
regia: Takekiyo Hitoshi
sceneggiatura: Takekiyo Hitoshi, Komori Yoichi
attori: -



Dim lights Embed Embed this video on your site

sitemap

Add comment

Effettuando il login si hanno più opzioni e non è necessario inserire il captcha a ogni messaggio.
Sono vietati messaggi discriminatori, offese o insulti, spam di qualsiasi tipo, incitamento alla pirateria informatica. I commenti che non rispettano queste semplici regole saranno eliminati senza preavviso dalla redazione.

Security code
Refresh

Share on facebook