404 Not Found

Not Found

The requested URL /track was not found on this server.

You are here:   Home Film Giappone Crows Explode (2014)

Crows Explode (2014)

Tuesday, 04 November 2014 22:34 Stefano Locati Film - Giappone
Print
Tags:

crows explode 0aTerzo episodio della saga sul liceo maschile Suzuran, tratta dal manga di Takahashi Hiroshi, originariamente pubblicato tra il 1990 al 1998. A cinque anni di distanza da Crows Zero II e a sette da Crows Zero, il nuovo capitolo è affidato a Toyoda Toshiaki, che prende il posto di Miike Takashi alla regia. Anche il cast è quasi completamente rinnovato, non fosse per un pugno di comparsate di personaggi minori noti. A complicare la continuity, il film si posiziona in mezzo ai due precedenti e si svolge un mese dopo la fine del secondo episodio, dopo il diploma di Takiya Genji e Serizawa Tamao, con nuovi studenti che arrivano nell'istituto con la più alta concentrazione di teppisti dell'intero Giappone (e possibilmente dell'universo) per cercare di conquistare la vetta.

Nuovo anno, nuova girandola di botte. Il Suzuran è in fermento: Goura è lo studente più forte, ma a minacciare la sua posizione ci pensano Kagami Ryohei, figlio adottivo di un boss malavitoso, e una infilata di pittoreschi contendenti. A fare da outsider c'è il dinoccolato Kazeo, appena trasferitosi, pugno granitico, ma poco desideroso di lanciarsi in uno scontro aperto, a causa di terribili ricordi relativi alla morte del padre. E la lotta per la supremazia all'interno del liceo è disturbata anche dall'esterno: Shibata è il leader di una scuola rivale, mentre Fujiwara è un dropout con passato in riformatorio che è spinto a movimentare le acque dal padre di Kagami. Nel microcosmo violento del Suzuran comunque le alleanze sono instabili, le amicizie volubili, e la guerra per conquistare il tetto dell'edificio scolastico ancora lunga e sanguinosa.
Crows Explode riprende l'ormai nota interpretazione letterale della metafora della scuola come campo di battaglia per i capitalisti felici di domani: il sistema educativo (giapponese in particolare, ma vale ovunque) è incentrato sulla competizione più spietata, e arrivare primi significa conquistare una posizione di privilegio per il resto della vita. Takahashi Hiroshi ha trasformato la lotta simbolica in una serie di scazzottate decisamente terrene, con teppisti, punk e attaccabrighe sparsi persi in uno scontro permanente all'interno di un istituto che brilla per l'assenza totale di insegnanti e figure parentali. Tutto già ampiamente esplorato dal precedente dittico di Miike. Dal canto suo Toyoda, che aveva contribuito a dare il via al boom del sottogenere liceali-che-se-le-suonano con il fibrillante Blue Spring (2001), aggiunge una maggiore verosimiglianza negli scontri, meno esacerbati, e una messa in scena meno caustica: se Miike aveva scelto di accentuare le pose da duri, in chiave ironica, Toyoda ha uno sguardo più testosteronico. Il nuovo episodio perde così in umorismo nero e guadagna in spleen adolescenzial-esistenziale.
I giovani (e meno giovani) attori, tutti egualmente imbellettati con le capigliature più kakkoii e gli sfregi più vistosi, sono funzionali ai loro ruoli, anche se non riescono a bucare subito lo schermo – ci vuole un po' perché le loro qualità emergano. Ottima la riscrittura della scuola come luogo alieno, tempestata di graffiti e marciume. Le note dolenti, al di là di un inevitabile effetto esoterico-respingente per chi non conosca la fonte di partenza e i due precedenti film, si palesano con lo stile visivo: con oltre due ore di durata, più della metà delle quali passata con sferragliare di chitarre dalle casse e pugni e calci sullo schermo, avrebbe giovato una maggior varietà negli scontri. Si tratta di un film paradossalmente realistico, e quindi niente coreografie marziali che assomigliano a balletti, giustamente: però al ventesimo pugno in faccia è lecito iniziare a provare un certo distacco apatico.
Molti lealisti del fumetto originale hanno lamentato gli scollamenti dal canone di questo nuovo episodio: mancherebbero alcuni passaggi chiave, che però potrebbero essere recuperati in un ipotetico quarto episodio – anche se Crows Explode, pur non essendo andato male, ha incassato la metà rispetto ai due precedenti capitoli.



paese: Giappone
anno: 2014
regia: Toyoda Toshiaki
sceneggiatura: Takahashi Hiroshi (manga)
attori: Higashide Masahiro, Saotome Taichi, Katsuji Ryo, Iwata Takanori, Yagira Yuya, Elly, Kenzo, Yabe Kyosuke, Fukami Motoki, Nagayama Kento, Hirose Suzu



Dim lights Embed Embed this video on your site

 

sitemap

Add comment

Effettuando il login si hanno più opzioni e non è necessario inserire il captcha a ogni messaggio.
Sono vietati messaggi discriminatori, offese o insulti, spam di qualsiasi tipo, incitamento alla pirateria informatica. I commenti che non rispettano queste semplici regole saranno eliminati senza preavviso dalla redazione.

Security code
Refresh

Share on facebook