Death Note (2006)

death_note1_0Lo studente Light trova un quaderno su cui basta scrivere il nome di una persona e il modo in cui si desidera che questi muoia per far avverare la previsione. All'inizio il ragazzo utilizza il suo nuovo potere per uccidere solo criminali, ma quando sulle sue tracce si mette il misterioso detective L le cose cambiano, complice un demone che spalleggia Light.

A metà tra horror, fantasy e mystery d'avventura, Death Note delude perché incapace di coniugare ironia, azione, spirito surreale e dramma: tanta è la confusione su più fronti che i momenti di tensione generano risate involontarie, al pari degli effetti speciali digitali (in primis il mostro diabolico, poco credibile). Sono pochi i momenti in cui la noia non prevalga, complice l'eccessiva lunghezza e la recitazione sopra le righe. La sceneggiatura, di Oishi Tetsuya, deriva da un manga di Obata Takeshi che ha spopolato ovunque e dal quale è stata tratta anche una serie animata, nettamente migliore. La base illustre garantisce anche alla cattiva trasposizione fama immediata; e diversi premi conquistati presso manifestazioni locali e internazionali. Ma il talento di un veterano dei generi quale Kaneko Shusuke ha avuto più risalto in altre precedenti circostanze.


paese: Giappone
anno: 2006
regia: Kaneko Shusuke
sceneggiatura: Oishi Tetsuya
attori: Fujiwara Tatsuya (Yagami Light), Matsuyama Kenichi (L), Seto Asaka (Misora Naomi), Hosokawa Shigeki (Ray), Toda Erika (Amane Misa), Fujimura Shunji (Watari), Kaga Takeshi (Yagami Souichiro), Kashii Yu (Kashino Shiori)