Exte (2007)

exte_0Il criptico Sono Shion, dopo l'immensa, abissale, sfaccettata riflessione su personalità e società inscenata in Noriko's Dinner Table e le stravaganze eroguro di Strange Circus si concede una pausa nel mainstream con questo j-horror ambiguo e polivalente, dai chiari intenti parodistici, sempre in bilico sul baratro del grottesco e dell'inesplicato.

Il motore della narrazione sono delle estensioni per capelli maledette, che una volta indossate da svampite donne alla moda ne causano la morte nei modi più assurdi e pittoreschi. Un pretesto striminzito, che sarebbe facile liquidare nella noia del già visto, non fosse il sovraccarico sensorio e semiotico cui Sono sottopone la messa in scena. Ogni aspetto viene sovralimentato, esagerato, stravolto all'eccesso, con una carica dissacrante che si trasforma in un anelito al caos programmatico. In questo senso vedere Kuriyama Chiaki (Battle Royale, Kill Bill vol. 1) che si muove in una selva di lunghissimi capelli assassini non assume soltanto la funzione di presa in giro nei confronti del cliché del fantasma nipponico dalla chioma fluente, ma si trasforma in un attacco ironico, divertito e assurdamente strampalato al sistema culturale dominante dell'industria cinematografica, che fa della ripetizione a catena il suo segno di successo. Una avventata presa in giro, insomma, fatta passare per qualcosa di assolutamente serio (da qui la delusione di molti ignari fan). Il tutto al suono dolce e irruente di Silent Night, Holy Night, ovviamente.


paese: Giappone
anno: 2007
regia: Sono Shion
sceneggiatura: Sono Shion, Adachi Masaki, Sanada Makoto
attori: Kuriyama Chiaki (Mizushima Yuko), Osugi Ren (Yamazaki Gunji), Sato Megumi (Yuki), Tsugumi (Mizushima Kiyomi), Machimoto Eri (Sachi), Sato Miku (Mizushima Mami)