404 Not Found

Not Found

The requested URL /track was not found on this server.

You are here:   Home Film Giappone Freeze Me (2000)

Freeze Me (2000)

Friday, 19 November 2010 04:05 Stefano Locati Film - Giappone
Print

freeze_me_0Chihiro vive a Tokyo e sta per sposarsi con un suo collega. Ma Chihiro conserva un segreto mai confessato, un qualcosa che ha cercato di tenere nascosto persino a se stessa; il muro di fragilità dietro cui si è rifugiata cade in frantumi quando una mattina, uscendo di casa, vede una persona proveniente dal suo passato, cha la insegue fin nel suo appartamento, entrandovi come ne fosse il padrone.

Perché cinque anni addietro, quando abitava in un piccolo paese periferico, Chihiro era stata violentata da tre suoi coetanei: a nulla è valsa la fuga, e oggi Hirokawa, Kojima e Baba - approfittando della scarcerazione di quest'ultimo - si sono dati appuntamento da lei per una rimpatriata...
Al di là dell'aspetto meramente exploitativo - trama e incedere fanno subito penasare ai più spietati rape 'n revenge, da I Spit On Your Grave in poi - Freeze Me si rivela film complesso e doloroso oltre ogni dire. Complesso nella sua dissezione del dramma di una donna violata che fugge e dimentica, per sopravvivere - in primis a una società che la vedrebbe come peso e non come vittima; doloroso nel ritrarre una prevaricazione reiterata con tale indifferente compiacimento. Film cutaneo, costruito su una sequenza di sensazioni abbacinanti, inesorabili nella loro brutale semplicità: dall'afa stordente del presente contro la sensazione di gelida disperazione del passato (dello stupro sentiamo solo i suoni e le risa, mentre le immagini si concentrano sul dopo, con Chihiro che scruta un lampione acceso, incurante della neve che le vortica intorno) fino al claustrofobico e soffocante dedalo di cemento e mobilia, nella forma del suo minuscolo appartamento, che lentamente viene invaso e stravolto dai suoi vecchi aguzzini e dalla sua stessa vendetta.
Un mondo disperato, in cui il mascolino è impossibilitato a sfuggire la violenza (la prevaricazione dei tre stupratori o l'incomprensione egoista del fidanzato), mentre il femminino è annientato in una coazione a ripetere che nel migliore dei casi porta alla follia. Eppure un mondo vivo, pulsante, persino - inaspettatamente - tenero: merito soprattutto della regia narcotizzata di Ishii e della prova mesmerizzante di Inoue Harumi, capace di calamitare l'attenzione senza trucchi o grandi scene madri.


paese: Giappone
anno: 2000
regia: Ishii Takashi
sceneggiatura: Ishii Takashi
attori: Inoue Harumi (Chihiro), Matsuoka Shunsuke (Nogami), Kitamura Kazuki (Hirokawa), Tsurumi Shingo (Kojima), Takenaka Naoto (Baba)

 

sitemap

Add comment

Effettuando il login si hanno più opzioni e non è necessario inserire il captcha a ogni messaggio.
Sono vietati messaggi discriminatori, offese o insulti, spam di qualsiasi tipo, incitamento alla pirateria informatica. I commenti che non rispettano queste semplici regole saranno eliminati senza preavviso dalla redazione.

Security code
Refresh

Share on facebook