404 Not Found

Not Found

The requested URL /track was not found on this server.

You are here:   Home Film Giappone Graveyard of Honor (2002)

Graveyard of Honor (2002)

Monday, 22 November 2010 06:15 Matteo Di Giulio Film - Giappone
Print

graveyard_of_honor_miike_0Questo remake di un vecchio yakuza eiga di Fukasaki Kinji (Graveyard of Honor/Death of Honor) rappresenta l'orgoglio di un cineasta a tutto tondo quale Miike Takashi certamente è. Partendo dalla base comune, Graveyard of Honor distilla adrenalina e sangue, in un trionfo della violenza per una volta rigorosamente sotto controllo.

Segno questo che uno dei registi più fuori di testa del momento, se vuole, è capace di contenere il suo immenso talento e di incanalarlo nella giusta direzione. La storia del boss Ishikawa, un mad dog impossibile da domare, è rappresentata con uno stile asciutto e con secchezza stilistica invidiabili: dopo tanti eccessi (ma anche qui non mancano il grottesco e l'ironia sopra le righe) è giunto il momento di ragionare più lentamente? La riscoperta e la rivalutazione delle proprie origini è l'ultimo atto dell'autore che sa da dove viene e sa dove vuole andare. Miike lascia da parte la sua vena di follia e dirige un altro capolavoro, l'ennesimo, improntandolo sul rigore e sulla compattezza. Come faccia questo prolifico regista, che dirige almeno tre/quattro film ogni anno, a mettere insieme i soldi (leggasi: a convincere qualche produttore più fuso di lui a cacciare fuori i quattrini) per finanziare i suoi viaggi allucinati, resta ancora un mistero. Graveyard of Honor è ricco, lungo, e non deve essere costato poco. Miike è sempre capace di stupire, anche alle prese con lavori ambiziosi e dispendiosi; ormai manca solo il monumento pubblico per riconoscerne intelligenza e maestria.
L'andamento ricalca fedelmente il soggetto dell'originale del 1975, opera di Fujita Goro, e prende le parti dell'insofferente boss che scala rapidamente le gerarchie dell'underground malavitoso. Non fosse totalmente fuori controllo, il rude combattente sarebbe un ottimo capo. La tomba dell'onore prevede prima un percorso degenerativo e auto-distruttivo che passa per stupri, omicidi e droga, ultimo veleno possibile per annientare l'uomo più forte del circondario. L'elegia del crimine e dei suoi aspetti meno idiliiaci, proprio come per Masumura Yasuzo o Suzuki Seijun, è l'anti-eroismo di un tossico che, braccato dalla polizia, esce sul balcone in mutande e si mette e sparare a casaccio finché non ha finito i proiettili. L'allucinato protagonista Kishitani Goro è il volto ideale per l'avventura. Tutti in carrozza, si parte: il biglietto non sarà rimborsato per nessun motivo.


paese: Giappone
anno: 2002
regia: Miike Takashi
sceneggiatura: Takechi Takenori
attori: Kishitani Goro (Ishikawa), Arimori Naomi (Chieko), Miki Ryosuke (Imamura), Yamashiro Shingo (Sawada), Tamba Tetsuro

 

sitemap

Add comment

Effettuando il login si hanno più opzioni e non è necessario inserire il captcha a ogni messaggio.
Sono vietati messaggi discriminatori, offese o insulti, spam di qualsiasi tipo, incitamento alla pirateria informatica. I commenti che non rispettano queste semplici regole saranno eliminati senza preavviso dalla redazione.

Security code
Refresh

Share on facebook