404 Not Found

Not Found

The requested URL /track was not found on this server.

You are here:   Home Film Giappone Great Yokai War, The (2005)

Great Yokai War, The (2005)

Monday, 22 November 2010 06:20 Stefano Locati Film - Giappone
Print

great_yokai_war_0In occasione dei festeggiamenti per i sessanta anni dello studio Kadokawa, Miike è incaricato di costruire un film fantasy per famiglie con soggetto gli yokai, mitiche e variegate creature sovrannaturali del folclore giapponese, a partire da un racconto di Aramata Hiroshi (lo stesso di Teito monogatari/Tokyo: the Last Megalopolis). Il raffronto immediato è con la classica trilogia degli Yokai Monster, prodotta dagli studios Daiei (nel 2002 acquistati proprio da Kadokawa), iniziata nel 1968 con The Hundred Monsters e proseguita con Spook Warfare (1968) e Along with Ghosts (1969).

Tadashi è un bambino appena trasferito in un paese di provincia in seguito alla separazione dei suoi genitori. Qui il ragazzino è curato principalmente dal nonno, che pare un po' svampito, ma cerca di trasmettergli valori fondamentali per il suo futuro. In preparazione di un festival annuale, Tadashi viene scelto come kirin rider, ossia colui che cavalca il kirin, mitologica creatura chimerica dalla vaga forma di drago: il suo compito è proteggere tutto ciò che è buono. Un compito che ben presto diviene letterale quando Tadashi è coinvolto nella lotta degli yokai della vicina foresta contro il perfido piano di Kato Yasunori, il quale vorrebbe sfruttare il potere del risentimento (strizzato fuori dai poveri yokai) per portare il caos nel mondo. Per Tadashi inizia un'avventura straordinaria che lo porterà a esplorare un mondo del meraviglioso follemente sbalorditivo, perso in una lotta contro le avversità per impedire un terribile destino. Lungo il tragitto Tadashi incontra creature bizzarre, spaventose e incredibili: bakemono, kitsune, kappa, tanuki, rourokubi e centinaia d'altre - tutte rigorosamente pescate dai rigogliosi racconti mitologici giapponesi.
Miike sfrutta un budget consistente per creare dal nulla un mondo parallelo che continua a stupire in forza della sua sfolgorante inventiva. Senza perdere di vista l'ironia, il protagonista è proiettato in uno scontro epico che - pur mantenendo il suo carattere innocente e adatto a un pubblico di ogni età - non rinuncia ad alcuni slanci drammatici di una qualche cattiveria. Il risultato è un film lineare e prevedibile nel suo svolgimento, ma assolutamente coinvolgente grazie alla particolareggiata caratterizzazione dei personaggi - simpatici da subito. Il piccolo Kamiki Ryunosuke, a differenza di altre star mignon del mondo dello spettacolo, è travolgente in tutte le sue smorfie. Al suo fianco ci sono attori completamente in parte, dal cattivo Toyokawa Etsushi, con la sua riluttante assistente Kuriyama Chiaki nel ruolo di una yokai traditrice, fino alle spalle Takahashi Mai (la principessa Kawahime), Kondo Masaomi (l'araldo del kirin) e Abe Sadao (il kappa). Un Miike più trattenuto rispetto ai soliti voli pindarici, ma altrettanto efficace, proprio come nel concettualmente simile Zebraman (2004).


paese: Giappone
anno: 2005
regia: Miike Takashi
sceneggiatura: Miike Takashi, Sawamura Mitsuhiko, Itakura Takehiko
attori: Kamiki Ryunosuke (Ino Tadashi), Takahashi Mai (Kawahime), Toyokawa Etsushi (lord Yasunori Kato), Imawano Kiyoshiro (generale Nurarihyon), Abe Sadao (Kawataro), Miyasako Hiroyuki (Sata), Kuriyama Chiaki (Agi), Sugawara Bunta (nonno Ino Shuntaro), Minami Kaho (Ino Youko), Narumi Riko (Ino Tataru)

 

sitemap

Add comment

Effettuando il login si hanno più opzioni e non è necessario inserire il captcha a ogni messaggio.
Sono vietati messaggi discriminatori, offese o insulti, spam di qualsiasi tipo, incitamento alla pirateria informatica. I commenti che non rispettano queste semplici regole saranno eliminati senza preavviso dalla redazione.

Security code
Refresh

Share on facebook