404 Not Found

Not Found

The requested URL /track was not found on this server.

You are here:   Home Film Giappone Kakashi (2001)

Kakashi (2001)

Tuesday, 23 November 2010 00:13 Armando Rotondi Film - Giappone
Print
Tags:

kakashi_0Una lettera misteriosa è l'unico indizio nelle mani della giovane Yoshikawa Kaoru per cercare il fratello Tsuyoshi, scomparso da giorni, e per capire le ragioni di questa sua sparizione. Le indagini la conducono nel villaggio di Kozukata, luogo maledetto, abitato da strane persone dedite al culto degli spaventapasseri. Lì infatti vivono i genitori di Izumi, ragazza segretamente e ossessivamente innamorata di Tsuyoshi.

Con Kakashi, spaventapasseri appunto, Tsuruta Norio firma un pellicola che non spaventa, ma punta a mettere lo spettatore a disagio, riuscendoci per gran parte della durata. Il regista, già autore di Ring 0: Birthday e successivamente di Premonition, traduce il manga originale di Ito Junji riducendo al minimo ogni azione, ogni gesto e ogni dialogo, rendendo così l'idea di spaesamento per la nuova realtà in cui la protagonista è catapultata. Il risultato è un'opera che ha più di un punto di contatto (inconsapevole?) con un classico del cinema horror inglese, quel The Wicker Man di Robin Hardy (1973), storia, scritta da Anthony Shaffer, di un poliziotto inglese inviato in un villaggio di pescatori per ritorvare una bambina scomparsa. Un vero oggetto di culto in patria, misconosciuto in Italia: come nel film inglese, il personaggio principale viene dal mondo civilizzato, dalla città, e si ritrova in una realtà altra, separata dal resto della società da una qualche barriera (qui un tunnel oscuro attraverso cui la macchina di Kaoru non può passare; nel precedente europeo il villaggio maledetto si trova su un isola). In entrambe le opere, una volta catapultati nei nuovi contesti, i personaggi non riescono a trovare una logica alle situazioni in cui si ritrovano coinvolti e quando credono di essere giunti a una soluzione vedono le prorpie convinzioni stravolte. Ultimo elemento in comune è la componente essenziale del rito verso una divinità fantoccio, gli spaventapasseri o gli uomini di vimini (wicker men), venerati in vere e proprie cerimonie sacre pagane, chiavi per risolvere il mistero. Senza voler comparare il valore artistico delle due pellicole, che vedrebbe il lavoro di Tsuruta Norio in svantaggio rispetto a un capolavoro, possiamo concludere affermando che Kakashi funziona fino al momento culmine che porta al festival degli spaventapasseri, con un ritmo lento, quasi ipnotico, ma che cade in un finale non all'altezza.


paese: Giappone
anno: 2001
regia: Tsuruta Norio
sceneggiatura: Tsuruta Norio, Mitaku Ryuta, Murakami Osamu, Tamaki Satoru
attori: Nonami Maho (Yoshikawa Kaoru), Shibasaki Kou (Miyamori Izumi), Grace Yip (Chen Sari), Matsuoka Shunsuke (Yoshikawa Tsuyoshi)

 

sitemap

Add comment

Effettuando il login si hanno più opzioni e non è necessario inserire il captcha a ogni messaggio.
Sono vietati messaggi discriminatori, offese o insulti, spam di qualsiasi tipo, incitamento alla pirateria informatica. I commenti che non rispettano queste semplici regole saranno eliminati senza preavviso dalla redazione.

Security code
Refresh

Share on facebook