404 Not Found

Not Found

The requested URL /track was not found on this server.

You are here:   Home Film Giappone Madadayo (1993)

Madadayo (1993)

Sunday, 09 January 2011 15:14 Riccardo Rosati Film - Giappone
Print

madadayo_0L'ultimo film di Kurosawa ha il sapore di un'attenta auto-riflessione sull'ultima parte della sua esistenza. Ispirato alla vita di Hyakken Uchida, insegnante, nonché scrittore, Madadayo, il compleanno è una delle opere più vicine alla sensibilità del maestro giapponese. La narrazione si sviluppa in modo fluido. Protagonista è un docente universitario, Uchida (un ottimo Matsumura Tatsuo), che dopo trent'anni d'insegnamento decide di ritirarsi. Tutti i suoi allievi lo adorano e lo considerano un "uomo d'oro zecchino". Per questo organizzano una festa di compleanno in suo onore, durante la quale gli rivolgono una perentoria quanto ironica domanda: Mahadakai?; alla quale Uchida risponde sempre Madadayo. Il primo termine significa "sei pronto?", alludendo all'essere preparati alla morte, mentre il secondo significa: "non ancora!".

Passano gli anni e le cerimonie in onore del Professore si susseguono in armonia; nemmeno lo scoppio della II Guerra Mondiale ne impedisce lo svolgimento. Il conflitto bellico viene percepito in modo quasi superficiale. Non c'è da stupirsi, visto che l'ultima opera di Kurosawa ha una vocazione quasi catartica: ripiegata in se stessa, intrisa di un tono intimistico e meditativo, ricorda in parte le opere di un altro mostro sacro del cinema nipponico, Ozu Yasujiro.
Madadayo è probabilmente il film che meglio comunica la delicatezza spirituale del cineasta; in esso tutto viene rappresentato con tinte attenuate da una storia che scorre lenta e incessante, mutuando così l'atteggiamento filosofico e introspettivo dei racconti buddhisti del XIII sec.. Un'opera che ci mostra un Kurosawa ben diverso da quello celebrato in occidente. Qui, come in altre sue produzioni (Vivere, ad esempio), riscopre appieno la sua matrice giapponese.
Intimo, riflessivo, catartico: solo alcuni degli aggettivi utilizzabili per questa suggestiva pellicola; della quale apprezziamo soprattutto un finale tra i più poetici mai usciti dall'estro del regista.

 


paese: Giappone
anno: 1993
regia: Kurosawa Akira
sceneggiatura: Kurosawa Akira
attori: Matsumura Tatsuo (Professore), Kagawa Kyouko (moglie del professore), Igawa Hisashi, George Tokoro

sitemap

Add comment

Effettuando il login si hanno più opzioni e non è necessario inserire il captcha a ogni messaggio.
Sono vietati messaggi discriminatori, offese o insulti, spam di qualsiasi tipo, incitamento alla pirateria informatica. I commenti che non rispettano queste semplici regole saranno eliminati senza preavviso dalla redazione.

Security code
Refresh

Share on facebook