404 Not Found

Not Found

The requested URL /track was not found on this server.

You are here:   Home Film Giappone Red Angel (1966)

Red Angel (1966)

Monday, 10 January 2011 15:46 Stefano Locati Film - Giappone
Print
Tags:

red_angel_0Conflitto sino-giapponese. Il fronte è un calvario di disperazione e corpi maciullati, complice un regime che ha mandato i suoi soldati al fronte impreparati. Sul luogo arriva anche la giovane infermiera Sakura, desiderosa di dare il suo contributo alla causa nazionalista. Lo spossante lavoro e le condizioni invivibili le rivelano però una realtà ben più aspra del previsto. La ragazza viene prima violentata da alcuni soldati feriti, quindi finisce in prima linea, dove gli uomini muoiono come mosche, nell'indifferenza. Qui Sakura conosce il dottor Okabe, morfinomane e ormai impotente, disperato perché costretto a comportarsi più da macellaio che da professionista. Inizialmente Sakura si contrappone a Okabe, che pensa più a segare ossa piuttosto che a guarire i pazienti, poi nasce una passione insormontabile e decadente, destinata alla tragedia.

Masumura Yasuzo costruisce un'altra spietata ode al mondo femminile in forma di parabola misantropa e misogina, ispirata a un racconto di Arima Yoriyoshi. Sakura è una sorta di Alice nel paese degli orrori, costretta a confrontarsi con tutti i gradi di degradazione personale e ambientale possibili prima di poter scoprire un legame veramente umano esattamente dove era (apparentemente) impensabile trovarlo. Il regista che con i suoi Kisses (1957) e Giant and Toys (1958) ha illuminato la strada della nouvelle vague giapponese, continua la sua indagine del versante più morboso dell'erotismo, come in Manji (1964), costruendo un film a tratti didascalico, viziato dalla struttura a tesi (l'abiezione come unica forma di elevazione, la voce norrante alla lunga ingombrante), ma impossibile da rimettere in un angolo una volta visto. Red Angel non è solo una banale denuncia dell'atrocità della guerra, con la sua inarrestabile catena di amputazioni, grida, montagne di cadaveri, ma anche una rovente indagine nei meandri della psiche costretta a confrontarsi con l'indicibile - il dolore, la solitudine, la morte.

 


paese: Giappone
anno: 1966
regia: Masumura Yasuzo
sceneggiatura: Kasahara Ryozo
attori: Wakao Ayako (Nishi Sakura), Ashida Shinsuke (Okabe), Kawazu Yusuke (Orihara), Akagi Ranko (Iwashima), Senba Jotaro, Kita Daihachi, Osanai Jun, Inoue Daigo

sitemap

Add comment

Effettuando il login si hanno più opzioni e non è necessario inserire il captcha a ogni messaggio.
Sono vietati messaggi discriminatori, offese o insulti, spam di qualsiasi tipo, incitamento alla pirateria informatica. I commenti che non rispettano queste semplici regole saranno eliminati senza preavviso dalla redazione.

Security code
Refresh

Share on facebook