404 Not Found

Not Found

The requested URL /track was not found on this server.

You are here:   Home Film Giappone Yakuza Papers, The / Battles without Honor and Humanity (1973)

Yakuza Papers, The / Battles without Honor and Humanity (1973)

Sunday, 23 January 2011 04:52 Matteo Di Giulio Film - Giappone
Print

yakuza_papers_0Fukasaku Kinji, regista di punta della Toei negli anni Settanta, inizia con The Yakuza Papers (anche conosciuto come Battles without Honor and Humanity o Fight without Honor) una serie di grandissimo successo (in giappponese Jingi naki tatakai, per un totale di 9 film, i primi 8 diretti da Fukasaku con Sugawara Bunta protagonista). Si distacca nettamente dai modelli polizieschi precedentemente noti, rifiutando lo stile alto applicato allo yakuza eiga e rinunciando soprattutto a dipingere i suoi protagonisti come eroi nobili, moderne reincarnazioni di samurai e paladini.

Per distaccarsi dalla tradizione il regista sposta l'azione in un'Hiroshima disordinata e appena colpita, nel periodo post-bellico, dalla bomba atomica: è una città intrisa di miseria e violenza. Lo scenario ideale, di squallore quotidiano, ripreso con grinta documentaristica (la macchina a mano e i personaggi presentati con una didascalia, come nei servizi dei telegiornali), dove ambientare queste serie reali (così erano denominati i film di questo filone). Altra differenza sono le pedine in gioco, appartenenti a gang rivali, fondamentalmente di due tipi: da un lato la minoranza dei malavitosi leali ma sfruttati, come l'emergente Hirono Shozo (l'ottimo Sugawara, il cui carattere avrebbe dovuto morire a fine film: dopo aver firmato un contratto in esclusiva per partecipare ai successivi episodi della saga gli fu garantita vita più lunga), dall'altra la maggioranza, gli infidi e gli avidi, come il boss Yamamori, capace di supplicare e di mettersi a piangere di fronte ai suoi uomini - summa iniuria! - pur di ottenere ciò che gli interessa. La trama - un intreccio ricco di colpi di scena, guerriglie urbane, omicidi, tradimenti, menzogne e lotte intestine - è più complicata della media, ma l'affresco dell'undergound criminale che ne deriva e della moltitudine di figure che lo abitano è estremamente convincente. Non mancano, su esplicita richiesta della produzione, gli eccessi, le situazioni adulte e la violenza cruenta (un paio di amputazioni subito in apertura e tanto sangue). Non manca neanche l'ironia di Fukasaku, che per dissacrare il mondo degli yakuza sfrutta l'ingenuità dei loser che riprende. In una sequenza geniale, Shozo, che si prepara a tagliarsi una falange per riparare a un errore, si deve far prima spiegare dall'arrogante moglie del suo capo quale sia la procedura giusta da seguire: dopo di che il dito schizza nel pollaio e prima di essere ritrovato viene sbecchettato dalle galline. Colonna sonora di altissimo livello, location e fotografia che rendono la strada il miglior palcoscenico possibile, una sceneggiatura a prova di bomba e tanti duri che recitano con il fisico completano un discorso qualitativo acclamato a viva voce dal pubblico, giustamente accorso in massa.

 


paese: Giappone
anno: 1973
regia: Fukasaku Kinji
sceneggiatura: Iiboshi Koichi, Kasahara Kazuo
attori: Sugawara Bunta (Hirono Shozo), Matsukata Hiroki (Sakai Tetsuya), Umemiya Tatsuo (Wakasugi Hiroshi), Watase Tsunehiko, Kaneko Nobuo, Ibuki Goro, Kawaji Tamio, Nakamura Eiko

sitemap

Add comment

Effettuando il login si hanno più opzioni e non è necessario inserire il captcha a ogni messaggio.
Sono vietati messaggi discriminatori, offese o insulti, spam di qualsiasi tipo, incitamento alla pirateria informatica. I commenti che non rispettano queste semplici regole saranno eliminati senza preavviso dalla redazione.

Security code
Refresh

Share on facebook