404 Not Found

Not Found

The requested URL /track was not found on this server.

You are here:   Home Film Giappone What Did the Lady Forget? / La signora che cosa ha dimenticato? (1937)

What Did the Lady Forget? / La signora che cosa ha dimenticato? (1937)

Sunday, 23 January 2011 05:12 Valentina Verrocchio Film - Giappone
Print

what_lady_forget_0Tokyo: la vita tranquilla e monotona del Professor Komiya e di sua moglie viene messa in discussione quando la giovane e bella nipote Setsuko, spigliata figlia di commercianti, arriva in visita da Osaka. Setsuko scopre alcune innocenti bugie dello zio, lo zio si lascia guidare e affascinare da Setsuko, e la zia diventa sempre più furiosa fino a raggiungere un punto tale di tensione da richiedere che qualcuno le buschi, per tornare a una serena, rassicurante normalità...

Secondo pellicola sonora di Ozu, What Did the Lady Forget? è uno dei film più perfetti e deliziosi della sua intera filmografia. Leggero e sornione, mette in scena l'inganno innocente e il desiderio candido dei personaggi di essere ora dominatori, ora dominati, tanto consapevolmente quanto inconsapevolmente, e furbescamente tirando dentro lo spettatore in una serie di avventure di rara simpatia e buffa malizia. Uno dei registi preferiti di Ozu era Ernst Lubitsch, e in questo film il cinema di Lubitsch è un'eco sempre presente, ma in un sottofondo tenuto a bada da una differenza fondamentale: mentre per Lubitsch i personaggi si muovono per il piacere affilato della rappresentazione e basta, per Ozu nessun personaggio dimentica di essere prima di tutto una persona, e quindi mentre cominciando a guardare un film di Lubitsch si può sempre dire incipit comoedia, chi comincia a guardare un film di Ozu sa che vedrà invece non una commedia ma la vita al lavoro, stilizzata secondo il gusto di Ozu. Grande punto di forza in What Did the Lady Forget? sono gli attori: la piccola, occhialuta e terribilmente autoritaria mogliettina interpretata da Kurishima Sumiko; Sano Shuji nei panni del giovane e imbranatissimo studente universitario, incapace di dare ripetizioni di matematica a un ragazzino di gran lunga più sveglio di lui; ma soprattutto Kuwano Kayoko nelle vesti occidentali e marlenedietrichiane di Setsuko, ovvero quel particolare e affascinante personaggio tipico del cinema di Ozu (qualche volta chiamato Noriko e interpretato da Hara Setsuko che forse ne era l'ispiratrice), che non ancora donna, non più ragazzina, si diverte a giocare con i ruoli uomo/donna fino a fonderli e a impersonare una maliziosa quanto ingenua compagna di giochi del personaggio al quale è affidato l'alter ego di Ozu. Alter ego che qui ha la faccia, impunita e buffa come una volpe fessa, di Saito Tatsuo, uno dei migliori attori su cui Ozu abbia mai fatto affidamento. Saito all'inizio del film sembra il cattivo che trainerà le sorti di tutti, ma poi invece si rivela un uomo mite, timido e insicuro che, osservatore curioso ed eterno bambinone, ama farsi trascinare da donne di carattere, una che lo comandi (la moglie) e gli imponga ritmi che lui può eludere dicendo piccole bugie e sentendosi per questo birichino, e una (la nipote) che lo interessi dandogli in cambio una complicità asessuata e allo stesso tempo seducente. Ai personaggi di What Did the Lady Forget? Ozu regala dei piccoli gesti caratteristici che dimostrano in maniera esemplare come un film possa essere tenuto insieme da dettagli i quali, pur reiterati sfacciatamente, se insaccati con maestria e naturalezza, fanno la continuità di una pellicola e davvero il benessere del trovarsi a esserne spettatori: lo zio per esempio ha indosso sempre e comunque delle sciarpette leziose; Setsuko invece ha il vizio dispettoso e insistito del fumo, vizio che hanno anche le signore sposate amiche della moglie dello zio, sebbene con ben altro piglio e una ben diversa disinvoltura. Fin dai titoli di testa, durante i quali ogni personaggio viene presentato con accanto il nome del luogo d'origine, What Did the Lady Forget? è anche una presa in giro bonaria dei quartieri bene di Tokyo, nei quali Ozu, raggiunta una certa stabilità economica, si era da poco trasferito con la madre e il fratello. Un film morbido e accattivante, misto di Giappone e Occidente signorile dell'anteguerra (evidente soprattutto nel décor, ma anche nei costumi di scena), accompagnato da una colonna sonora molto azzeccata (una melodia hawaiana fa da sfondo imperturbabile alle carrellate quasi gemelle della passeggiata di Setsuko, nello stesso viale, prima con lo studente universitario e poi con lo zio), e ricco di momenti da manuale (Setsuko ubriaca nella casa di geishe, con lo zio paziente e preoccupato che la guarda scambiare il suo prezioso portasigarette con quello frivolo di una delle ragazze), con un finale teatrale, suggestivo, sfumato e irresistibile, con le luci di casa che, come quelle di un palcoscenico, man mano si spengono mentre lo zio mette a fuoco lentamente cosa sua moglie, la lady di casa, per tanto tempo aveva dimenticato e ora ha improvvisamente deciso di ricordare. What Did the Lady Forget?, semplice, audace e spontaneo, è uno dei più piacevoli piccoli film di tutta la storia del cinema. (Febbraio 2006)

 


paese: Giappone
anno: 1937
regia: Ozu Yasujiro
sceneggiatura: Fushimi Akira, James Maki
attori: Saito Tatsuo (Komiya), Kuwano Kayoko (Setsuko), Kurishima Sumiko (Tokiko), Sano Shuji (Okada), Sakamoto Takeshi (Sugiyama), Iida Choko (Chiyoko), Uehara Ken, Yoshikawa Mitsuko (Mitsuko), Hayama Masao (Fujio), Aoki "Tokkan-Kozo" Tomio (Tomio)

sitemap

Add comment

Effettuando il login si hanno più opzioni e non è necessario inserire il captcha a ogni messaggio.
Sono vietati messaggi discriminatori, offese o insulti, spam di qualsiasi tipo, incitamento alla pirateria informatica. I commenti che non rispettano queste semplici regole saranno eliminati senza preavviso dalla redazione.

Security code
Refresh

Share on facebook