Assault Girls (2009)

Assault GirlsSpin off dal complesso Avalon (2000), Assault Girls estromette qualsiasi idea di trama e si concentra su messa in scena futuribile e feticismo tecnologico. Oshii si prende una pausa dalle elucubrazioni cyber-filosofiche che lo hanno portato al successo e assembla un divertissement colorato e movimentato che assomiglia a un lungo spot per eventuali linee di apparecchi e armi fantascientifiche.

Le premesse erano state gettate in due cortometraggi presenti in altrettanti film antologici, il segmento Assault Girl in The Women of Fast Food (2007) e Assault Girl 2 in Kill (2008): l'idea base è sempre la stessa - ragazze pesantemente armate che combattono tra loro in scenari avveniristici. Dopo una lunga introduzione documentaria (oltre sette minuti) in cui è fornita una sovrabbondanza di dettagli sociologici e politici, si entra finalmente nel vivo. I programmatori di Avalon hanno progettato un nuovo set per i giocatori più esperti, ancora in fase di test. Alcuni assidui giocatori, tre ragazze e un ragazzo, sono alle prese con un pericoloso mostro (memore dei vermi giganti di Dune): il sistema consiglia loro di unire le forze. Tra facili simbolismi (una lumaca che cammina su una statua) e dialoghi per lo più snocciolati in un inglese altamente improbabile, Oshii se la cava con un'operazione più affine all'esperienza visiva che al cinema. Tedioso quando non molesto, Assault Girls conserva comunque un'aura tecno-anarcoide unica.

 

paese: Giappone
anno: 2009
regia: Oshii Mamoru
sceneggiatura: Oshii Mamoru
attori: Fujiki Yoshikazu (Jager), Kikuchi Rinko (Lucifer), Kuroki Meisa (Gray), Saeki Hinako (Colonel)