404 Not Found

Not Found

The requested URL /track was not found on this server.

You are here:   Home Film Giappone Sword of Doom, The (1966)

Sword of Doom, The (1966)

Sunday, 23 January 2011 16:39 Stefano Locati Film - Giappone
Print
Tags:

sword_of_doom_0In continuità con Samurai Assassin, la vicenda prende il via dall'incidente al cancello Sakurada di Edo (primavera del 1860); The Sword of Doom non è però un semplice sequel, quanto un punto di vista alternativo e se possibile ancora più nero sulla fine di un epoca.

Ryunosuke è uno spietato samurai il cui unico piacere sembra essere donare la morte, l'impassibile fulcro attorno a cui ruota una girandola di personaggi inglobati dalla sua aura maledetta. Bunnojo, samurai che da lui viene umiliato e sconfitto in un duello per diventare istruttore. Hama, moglie di Bunnojo, che in un tentativo disperato di impietosire Ryunosuke, gli si concede - disonorando il marito. Omatsu, giovane nipote di un viandate ucciso senza motivo apparente. Infine Hyoma, che di Bunnojo era fratello, il cui unico scopo sarà la vendetta.
Due morali si rincorrono e scontrano, due visuali legate inscindibilmente ai mutamenti strutturali che rischiano di trascinare il paese in una crisi (materiale e di valori) senza uscita. Da un lato Ryunosuke e la sua rabbia ribollente, alla disperata ricerca di uno sfogo, di un obiettivo contro cui potersi confrontare ("Credo solo nella spada a questo mondo"). Dall'altra Hyoma, stanco difensore dei valori tradizionali, che cerca però di assecondare il mutamento senza esserne sopraffatto (come avrà a dire il suo maestro, Taranosuke; "La spada è l'anima. Studia l'animo per studiare la spada. Una mente cattiva equivale a una spada cattiva"). Entrambi sono destinati non tanto al fallimento, quanto alla resa: Ryunosuke cede alla follia (in un finale spietatissimo, persino spettrale), Hyoma è costretto a scendere a patti con quanto il Giappone sta diventando, con questo entrando a pieno diritto nell'età adulta.
Lo sguardo di Okamoto si prosciuga, precipitando in un mondo sepolcrale entro cui non è più necessario l'appiglio a un narratore esterno (ancora essenziale in Samurai Assassin) o a scelte evidenti di regia: la profondità di corpi e personaggi è data dall'immobilità, dalle ombre, dai silenzi, in un ritorno ancora più marcato (e non casuale) a forme proprie del teatro. Scelta che consente di sottolineare con efficacia lo scarto tra la quiete riflessiva e gli scoppi catartici d'ira, e di portare in primo piano i gesti e gli sguardi come motore comunicativo degli stati d'animo - valgano i continui giochi prospettici dei volti o la lunghissima carrellata (giustamente divenuta celebre) in cui Ryunosuke, in un bosco avvolto dalla nebbia, semina la morte tra gli uomini che gli hanno teso un'imboscata. Sovrasta su tutti la profondità di Nakadai Tatsuya, corpo attoriale che sembra cresciuto appositamente per dare vita a personaggi dibatutti, in sospeso tra la sublime perfezione e il baratro abissale della perdizione.

 


paese: Giappone
anno: 1966
regia: Okamoto Kihachi
sceneggiatura: Hashimoto Shinobu, Nakazato Kaizan
attori: Nakadai Tatsuya (Tatsue Ryunosuke), Kayama Yuzo (Utsugi Hyoma), Aratama Michiyo (Hama), Nishimura Ko (Schichibei), Naito Yoko (Omatsu), Mifune Toshiro (Shimada Taranosuke), Sato Kei (Serizawa)

sitemap

Add comment

Effettuando il login si hanno più opzioni e non è necessario inserire il captcha a ogni messaggio.
Sono vietati messaggi discriminatori, offese o insulti, spam di qualsiasi tipo, incitamento alla pirateria informatica. I commenti che non rispettano queste semplici regole saranno eliminati senza preavviso dalla redazione.

Security code
Refresh

Share on facebook