404 Not Found

Not Found

The requested URL /track was not found on this server.

You are here:   Home Film Giappone Tamami - The Baby's Curse (2008)

Tamami - The Baby's Curse (2008)

Sunday, 23 January 2011 16:43 Stefano Locati Film - Giappone
Print
Tags:

tamami_0Horror spiritato tratto da un manga di Umezu Kazuo, padrino storico del weird e dello splatter disegnato, le cui storie strambe, piene di richiami a psicanalisi, antropologia e paure ancestrali sono già state trasposte miriadi di volte al cinema. Questo Akanbo shojo (la cui traduzione è semplicemente "bambina") assume subito i tratti di uno scriteriato incrocio tra Brood - La covata malefica (David Cronenberg, 1979), Bambola assassina (Tom Holland, 1988) e Baptism of Blood/Senrei (Yoshihara Kenichi, 1996 - sempre tratto da Umezu). In aggiunta una spruzzata di gore e la solita intransigenza giapponese, che una volta instillate le premesse non ha problemi ad affondare fino in fondo il colpo.

In questo caso Yoko, un'orfana, viene riportata alla sua famiglia biologica, i Nanjo, che vivono in una isolata e lussuosa villa in mezzo ai boschi. Siamo nel 1960: Keizo, il capofamiglia, cercava la figlia perduta da quindici anni, da quando durante la seconda guerra mondiale le era sfuggita di mano e creduta dispersa. Nei tanti anni intercorsi, la moglie, Yuko, è nel frattempo impazzita per il dolore, e ormai vaga per casa cullando un peluche come fosse la figlia. Una figlia che però chiama Tamami, e non Yoko. La ragazzina subisce l'atmosfera lugubre della casa, appesantita dalla misteriosa governante, ma ben presto si rende conto che Tamami non è solo un fantasma immaginario della mente della ritrovata mamma, ma un essere deforme e pericoloso, senza inibizioni. Tra le due sorellastre inizia una guerra per la sopravvivenza senza esclusione di colpi.
Tamami: The Baby's Curse scorre placido e senza problemi. A oggi è il più equilibrato tra i lavori di Yamaguchi Yudai, che fortunatamente si dimentica dell'umorismo greve e della messa in scena cheap-pop che infestava Battlefield Baseball (2003) e Cromartie High School (2005) e riesce a ricalibrare gli eccessi gore di Meatball Machine (2005, diretto insieme a Yamamoto Junichi) in una narrazione autosufficiente. Non mancano gli eccessi e le esagerazioni grottesche, ma sono racchiuse nella struttura progressiva di accumulo della tensione che culmina nella mezz'ora finale di duello tra le sorelle. Se la parte d'azione è gestita con qualche perizia, facendo sperare Yamaguchi possa finalmente districarsi dalle paludi del suo sponsor Kitamura Ryuhei (con cui lavorava dai tempi di Down to Hell, 1997), a mancare è un approfondimento del risvolto psicologico, che poi era sulla carta il più interessante. Non si và oltre l'esposizione minimale e stringata del rapporto madre-figlia e della gelosia tra fratelli, spunti che avrebbero potuto offrire ben altre profondità. A rimanere è quindi soltanto la pervicacia un po' perversa di una ragazzina che lotta contro uno spietato demone tra fiumi di sangue, concetto che difficilmente avrebbe trovato terreno fertile a Hollywood, per esempio. Ma è ancora troppo poco.

 


paese: Giappone
anno: 2008
regia: Yamaguchi Yudai
sceneggiatura: Kobayashi Hirotoshi
attori: Mizusawa Nako (Yoko), Noguchi Goro (Nanjo Keizo), Asano Atsuko (Nanjo Yuko), Saito Takumi (Yoshimura Takaya), Horibe Keisuke (Yoshimura Seiya), Ikuta Etsuko

sitemap

Add comment

Effettuando il login si hanno più opzioni e non è necessario inserire il captcha a ogni messaggio.
Sono vietati messaggi discriminatori, offese o insulti, spam di qualsiasi tipo, incitamento alla pirateria informatica. I commenti che non rispettano queste semplici regole saranno eliminati senza preavviso dalla redazione.

Security code
Refresh

Share on facebook