404 Not Found

Not Found

The requested URL /track was not found on this server.

You are here:   Home Film Giappone Twilight Samurai, The (2002)

Twilight Samurai, The (2002)

Sunday, 23 January 2011 17:34 Stefano Locati Film - Giappone
Print
Tags:

twilight_samurai_0Seibei Iguchi è un samurai di basso rango del clan Unasaka che si barcamena tra mille difficoltà quotidiane: dopo la morte della moglie per tubercolosi deve infatti allevare i figli e badare alla vecchia madre in solitudine, costretto a sfuggire la vita sociale e la compagnia dei sui pari - guadagnandosi così il nomignolo di Seibei l'ombroso.

L'uomo incontra dopo anni un'amica di gioventù, Tomoe, sorella di un suo vicino tornata in famiglia dopo il divorzio da un prepotente spadaccino più anziano di lei; è evidente la loro attrazione reciproca, ma Seibei è riluttante a dichiararsi vista la sua disastrosa condizione economica e la dissestata vita famigliare. Le cose si complicano quando Seibei affronta e sconfigge in duello l'adirato Toyotaro, ex-marito di Tomoe, brandendo un semplice ramoscello contro l'affilata spada dell'opponente. La voce si sparge e Seibei è costretto dai doveri feudali a impugnare la spada per uccidere Yogo, disilluso oppositore del nuovo capo clan, in uno scontro che potrebbe rivelarsi mortale...
Yamada Yoji è regista intenso e raffinato, il cui nome è indissolubilmente legato alla cultura giapponese grazie alla saga di Tora-san (di cui - nell'arco di venticinque anni - ha diretto 46 episodi su 48), ma che ha dimostrato di possedere una visione ispirata e intimista sulla realtà dell'uomo contemporaneo e sulle difficoltà che incontra nella vita di ogni giorno. Da sempre immerso nella realtà più popolare (sue anche le più recenti serie di A Class to Remember, iniziata nel 1993, e Tsuribaka Nisshi / Free & Easy, aperta nel 1989), non si è mai chiuso la strada a esperienze più personali quali The Yellow Handkerchief (1977) o The Village (1975). Con The Twilight Samurai, strano a dirsi prima incursione nell'epica in costume, si addentra nella difficile rielaborazione di tre novelle di Fujisawa Shuhei - uno dei più quotati romanzieri di fiction sui samurai. Il risultato è strabiliante. In Tasogare Seibei a sorprendere è la fulgida freschezza narrativa, la semplicità dello sguardo che riesce a costruire un mondo pulsante e quasi incantato nel vivido susseguirsi di sequenze minimali - all'apparenza prive di qualsiasi attrattiva, eppure avvolte in una spiritata, fuggevole intensità che le rende uniche, irripetibili. La storia raccontata da questo incredibile regista settantenne è un viaggio realmente crepuscolare nei meandri di un'epoca di passaggio, nella mente di un uomo in difficoltà, e nondimeno refrattario a perdere il legame fondamentale con chi ama, nonostante l'asprezza costituzionale del mondo che lo circonda. La parabola di Seibei diviene così espressione di un incondizionato umanesimo, un ottimismo gioioso che non si nasconde dietro a semplificazioni consolatorie (come non di rado avveniva nel nostalgico Tora-san), ma che anzi ha modo di esplodere grazie alle insondabili crudeltà del destino. Da vedere. Assolutamente.

 


paese: Giappone
anno: 2002
regia: Yamada Yoji
sceneggiatura: Asama Yoshitaka, Yamada Yoji
attori: Sanada Hiroyuki (Seibei Iguchi), Miyazawa Rie (Tomoe), Kobayashi Nenji (Choubei Hisasaka), Tanaka Min (Yogo), Osugi Ren (Toyotaro Kouda), Fukikoshi Mitsuro (Iinuma Michinojo), Itou Miki (Iguchi Kayana), Hashiguchi Erina (Iguchi Ito), Kanabe Hiroshi (Naota), Fukaura Kanako

sitemap

Add comment

Effettuando il login si hanno più opzioni e non è necessario inserire il captcha a ogni messaggio.
Sono vietati messaggi discriminatori, offese o insulti, spam di qualsiasi tipo, incitamento alla pirateria informatica. I commenti che non rispettano queste semplici regole saranno eliminati senza preavviso dalla redazione.

Security code
Refresh

Share on facebook