404 Not Found

Not Found

The requested URL /track was not found on this server.

You are here:   Home Film Giappone Monday (2000)

Monday (2000)

Wednesday, 16 March 2011 02:32 Maurizio Encari Film - Giappone
Print

monday_0L'atipico funerale iniziale lascia già presagire l'atmosfera continuamente sospesa tra realtà e parodia che contraddistingue Monday, quarto film del regista e attore giapponese Tanaka Hiroyuki, meglio conosciuto come Sabu. Non è semplice definire l'amalgama di emozioni e sensazioni date dalla visione di questi cento minuti, intrisi di deliranti istinti comici e al contempo di inaspettate derive drammatiche.

Il partire da un incipit apparentemente banale come quello di una nottata di cui poco si rammenta, per poi incanalarsi in una metafora ludica sul potere delle armi e della violenza nella società contemporanea nipponica, è impresa mirabile. Protagonista assoluto in questo folle viaggio a ritroso nei ricordi è Takagi (interpretato dal feticcio del regista Tsutsumi Shinichi), che si risveglia un lunedì in una camera d'albergo senza ricordare nulla di quanto accaduto in precedenza e ignorando il perchè si ritrovi lì. Lentamente la memoria comincia a riaffiorare: l'insolita cerimonia funebre, una discussione con la fidanzata, la sosta in pub dove gli appare una bellissima donna, compagna di un boss locale, l'amicizia che nasce con quest'ultimo. E' l'inizio di un'odissea alcoolica che sembra non aver mai fine: ma se inizialmente è il divertimento a farla da padrone, le ore successive si trasformano in un vero e proprio incubo. Il fucile che malauguratamente finisce nelle mani di Takagi è l'inizio del suo percorso di follia dal quale non riuscirà più a uscire. Impossibile immaginare Monday senza Tsutsumi Shinichi nei panni dell'antieroe: l'attore sfodera infatti una performance estrema, del tutto sopra le righe, che oscilla con sublime sfacciataggine tra ispirate performance ilari e momenti tesi e intensi. Non da meno i comprimari, tra cui spicca il mitico Terajima Susumu che nonostante limitato da un personaggio praticamente privo della parola, inonda lo schermo col suo carico di magnetica simpatia. Sabu dirige con mano sempre sicura, e salta come niente fosse da deliranti balletti parodistici a omicidi brutali. Il peso morale di una storia al limite, incentrata su tematiche così sentite, soprattutto in un paese come il Giappone dove l'uso delle armi, oltre alle efferate gesta, contribuisce anche al primo posto mondiale nel tasso annuale dei suicidi, sottolinea ancora maggiormente l'influenza sociale che Monday può avere sul pubblico del Sol Levante. Senza spogliarlo dei suoi significati più profondi, anche lo spettatore occidentale può godere di un'opera dalle mille sfaccettature, in grado di colpire ed emozionare a qualsiasi latitudine.

 


paese: Giappone
anno: 2000
regia: Tanaka Hiroyuki (Sabu)
sceneggiatura: Tanaka Hiroyuki (Sabu)
attori: Tsutsumi Shinichi (Takagi), Matsuyuki Yasuko, Osugi Ren, Ando Masanobu, Noda Hideki, Terajima Susumu

sitemap

Add comment

Effettuando il login si hanno più opzioni e non è necessario inserire il captcha a ogni messaggio.
Sono vietati messaggi discriminatori, offese o insulti, spam di qualsiasi tipo, incitamento alla pirateria informatica. I commenti che non rispettano queste semplici regole saranno eliminati senza preavviso dalla redazione.

Security code
Refresh

Share on facebook