404 Not Found

Not Found

The requested URL /track was not found on this server.

You are here:   Home Film Giappone Gantz (2011)

Gantz (2011)

Monday, 24 October 2011 20:21 Stefano Locati Film - Giappone
Print

gantz_0Dal manga di Oku Hiroya, la cui serializzazione è iniziata nel 2000, e conseguente serie animata del 2004, un film di fantascienza diviso in due parti che innesta riflessioni metafisiche ed esistenzialismo adolescenziale in un contesto action. Questa prima parte, uscita in Giappone nel gennaio 2011, si occupa di introdurre i personaggi e dà il via ai sanguinosi scontri contro gli alieni gestiti dalla misteriosa sfera Gantz. La seconda parte, Gantz: Perfect Answer, girata back to back, è uscita nell'aprile 2011, dopo lo speciale televisivo Another Gantz, che riassumeva il primo episodio interlacciandolo a scene inedite con protagonista un reporter. Sato Shinsuke, a suo agio nelle ricostruzioni d'azione, come dimostrato dall'esordio con Princess Blade (2001), gestisce con schiettezza i diversi riferimenti, puntando sul feticismo hi-tech, sul look alla moda dei due protagonisti e sui conflitti irrisolti che si vengono a creare nel limbo in cui si ritrovano. Sulla lunga distanza i combattimenti sono ripetitivi, ma il lavoro di cesellamento rispetto alle fonti originali è proficuo, in grado di sostenere le aspettative.

Kurono Kei è un giovane universitario in cerca di prima occupazione. In stazione per raggiungere un importante colloquio di lavoro, intravede un suo vecchio amico, Masaru Kato, intento ad aiutare una persona caduta dalla banchina d'attesa. Dopo qualche titubanza, Kei accorre in aiuto di Masaru: pur riuscendo a soccorrere la vittima, i due sono travolti dal treno in arrivo. Con loro sorpresa si risvegliano in un anonimo appartamento, insieme ad altre persone, apparentemente tutte morte. Al centro della stanza c'è una sfera metallica che inizia a dare loro ordini: devono uccidere l'alieno indicato entro il tempo prestabilito - solo così possono sperare di sopravvivere e accumulare punti.
Le differenze con manga e anime non sono marcate, ma si fanno notare: molti avvenimenti sono riassunti o espunti, alcuni personaggi reintegrati, mentre in generale, soprattutto rispetto alla serie tv, violenza e nudi sono tenuti sotto controllo. I cambiamenti sono però funzionali alla narrazione, e possono infastidire solo i fan più intransigenti. Rispetto al suo target di riferimento, Gantz scorre senza problemi, riuscendo a creare un legame empatico con i protagonisti nonostante gli scontri con i diversi alieni finiscano con lo strasbordare oltre il necessario. Ninomiya Kazunari (The Lady Shogun and Her Men, Yellow Tears) e Matsuyama Kenichi (Norwegian Wood, Kamui) riescono a instaurare quell'alchimia venata di rivalità necessaria a presentare le diverse posizioni rispetto all'inspiegabile: le rivelazioni su Gantz sono sapientemente dosate, lasciando molte domande aperte per la seconda parte. Senza arrendersi a una messa in scena e a un ritmo di montaggio di stampo hollywoodiano, Gantz riesce a competere sullo stesso terreno.


paese: Giappone
anno: 2011
regia: Sato Shinsuke
sceneggiatura: Watanabe Yusuke
attori: Ninomiya Kazunari (Kurono Kei), Matsuyama Kenichi (Kato Masaru), Yoshitaka Yuriko (Kojima Tae), Hongo Kanata (Nishi), Natsuna (Kishimoto), Taguchi Tomorowo (Suzuki), Yamada Takayuki (Shigeta), Chisaka Kensuke (Kato Ayumu)



Dim lights Embed Embed this video on your site

sitemap

Add comment

Effettuando il login si hanno più opzioni e non è necessario inserire il captcha a ogni messaggio.
Sono vietati messaggi discriminatori, offese o insulti, spam di qualsiasi tipo, incitamento alla pirateria informatica. I commenti che non rispettano queste semplici regole saranno eliminati senza preavviso dalla redazione.

Security code
Refresh

Share on facebook