404 Not Found

Not Found

The requested URL /track was not found on this server.

You are here:   Home Film Giappone Helldriver (2011)

Helldriver (2011)

Monday, 12 December 2011 05:26 Stefano Locati Film - Giappone
Print

helldriver_0Dopo Tokyo Gore Police (2008), Vampire Girl vs. Frankenstein Girl (2009) e la co-regia di Mutant Girls Squad (2010), l'esperto di effetti speciali splatter a basso costo e alto tasso ematico Nishimura Yoshihiro non allenta la presa e assembla una altra festa gore che si rifiuta di decelerare. Se possibile anzi accelera, visto che in quasi due ore il sangue continua a sgorgare ininterrottamente, tra geyser ed esplosioni di carne, urla selvagge e il tono generale da commedia nera sbroccata e autocompiaciuta. L'ambientazione post-apocalittica e la presenza di simil-zombie-cornuti, oltre a un'eroina risorta con katana/sega-circolare meccanizzata, forniscono solo il pretesto per una blanda satira sociale (diritti civili, divisioni tra "ricchi" e "poveri", con tanto di muro di cinta) - il resto è un profluvio d'azione acrobatica esuberante e banalmente ripetitiva, per quanta inventiva.

Kika è una liceale con famiglia disfunzionale: madre ignota, padre su sedia a rotelle con gambe desensibilizzate, e gli zii - fratello e sorella, nonché noti serial killer - che imperversano in casa, schiavizzandola. Un giorno rientrando a casa la ragazza li trova intenti a macellare le gambe del padre. Giustamente impensierita, Kika scappa, non prima di aver marchiato la fronte dello zio con una svastica infuocata. La zia, Rika, se la prende e la insegue: sta per malmenarla quando una meteorite in caduta libera dallo spazio le sfonda il torace. Infuriata, Rika si rifa sulla nipote, rubandole il cuore e trasformandosi nella regina di una schiera di zombie, che si propagano in tutto l'arcipelago seguendo una nube tossica. Intanto Kika, che è stata avvolta da una patina collosa che la tiene in vita, viene trasportata in un centro segreto che la dota di un cuore artificiale e di un impianto d'offesa incorporato. Il Giappone cade nel caos, sei milioni di cittadini si trasformano in mostri assetati di sangue e viene costruito un enorme muro divisorio che taglia a metà il paese. Kika, insieme a un uomo con cappello da cowboy e un giovane orfano senza nome sono spediti oltre la barriera per dare la caccia a Rika.
Lasciati da parte gli incubi mutanti para-cronenberghiani di Tokyo Gore Police, Nishimura torna alle atmosfere "scanzonate" di Vampire Girl vs. Frankenstein Girl, senza però riuscire a costruire un impianto meta-mélo altrettanto efficace: Nishimura è meno rozzo del sodale Iguchi Noboru di The Machine Girl (2008) e Robo-Geisha (2009), ma in Helldriver il contrasto tra frattaglie e musiche ingenuo-sinfoniche è più traballante, perché reiterato e insistito. Il montaggio sincopato non fa distinizione tra scene d'azione e raccordi narrativi, così come gli stacchi hard rock piuttosto ingombranti e strabordanti, creando una fluidità dopata, con l'usuale teatrino di siparietti comici a raccontare la situazione sociale (dalla pubblicità delle misure governative per arginare il problema degli alloggi alle istruzioni di una sexy dottoressa su come uccidere i mostri, fino al dibattito di due politici sullo status da accordare ai mutati): la narrazione è però più stentata, giocata sulla ripetizione brutale degli scontri, e impoverisce il quadro. Restano comunque alcune invenzioni decisamente folli - come un'automobile di carne viva o il "robot gigante" composto da mostri ancorati uno sopra l'altro - che inebrieranno gli amanti del genere. Helldriver è la solita messe di cinema decerebrato che persevera in una visione ingenua di stupore grandguignolesco, divertente e irritante al contempo.


paese: Giappone
anno: 2011
regia: Nishimura Yoshihiro
sceneggiatura: Nishimura Yoshihiro, Nagisa Daichi
attori: Hara Yumiko (Kika), Shiina Eihi (Rika), Namioka Kazuki (Kaito), Yanagi Yurei (Taku), Torihada Minoru, Guadalcanal Taka



Dim lights Embed Embed this video on your site


sitemap

Add comment

Effettuando il login si hanno più opzioni e non è necessario inserire il captcha a ogni messaggio.
Sono vietati messaggi discriminatori, offese o insulti, spam di qualsiasi tipo, incitamento alla pirateria informatica. I commenti che non rispettano queste semplici regole saranno eliminati senza preavviso dalla redazione.

Security code
Refresh

Share on facebook