404 Not Found

Not Found

The requested URL /track was not found on this server.

You are here:   Home Fumetti
Fumetti

BRUCO, IL (2009)

bruco_edogawa_suehiroDopo il lussureggiante La strana storia dell'isola panorama (2008), il maestro dell'eroguro Maruo Suehiro adatta un altro racconto di Edogawa Ranpo, puntando sul risvolto più morboso e ossessivo dello scrittore. Il bruco, pubblicato originariamente nel 1929 con il titolo Imumoshi, parte dalla fine dell'intervento giapponese in Siberia durante la prima guerra mondiale per raccontare di un veterano tornato a casa completamente menomato di arti, corde vocali e udito. Ad accudire questa larva-umana rimane solo la moglie, che cade progressivamente preda di un gorgo di pulsioni proibite - tra repulsione e inspiegabile attrazione.

 

RAQIYA (2009)

raqiyaIl tratto dettagliato e maniacale di Boichi precipita figure eteree nell'apocalisse prossima ventura, in un riuscito arabesco che mescola spiritualità, millenarismo, complotti religiosi e fine del mondo partendo da un ritratto apparentemente intimo e quotidiano di una famiglia giapponese. I testi di Yajima Masao riescono a convogliare pensieri sulla divinità ebraici, cattolici, gnostici e catari in un calderone a tratti avventato, ma dettagliato nelle sue diramazioni e implicazioni, verso un nuovo ordine mondiale di guerra religiosa in cui gli "dei" tornano a camminare sulla Terra. Un manga articolato, anche se purtroppo squilibrato: se i primi tre volumi creano l'ambientazione in tutte le sue sfumature, dai rapporti intimi tra i protagonisti al disegno globale, gli ultimi due fanno precipitare gli eventi troppo velocemente, tradendo la meticolosa costruzione precedente in un racconto affrettato che avrebbe meritato maggior respiro.

 

BACIO DI MARTE, IL (2008)

bacio_di_marteVolume unico che racconta un amore puro scolastico con accenti yuri: Kishi Torajiro, che in passato si era dedicato al ben più esplicito Maka-Maka, e che pare particolarmente attratto dalle tematiche saffiche più voyeuristiche, elabora qui una storia dolce e furba al contempo. Semplice e lineare, ma con una scelta di inquadrature e tagli delle tavole cinematografica, Il bacio di Marte è la storia di un'infatuazione inaspettata e dal futuro incerto.

 

STRANA STORIA DELL'ISOLA PANORAMA, LA (2008)

strana_storia_isola_panoramaRiadattando un racconto di Edogawa Ranpo, Maruo Suehiro si addentra nella psiche contorta di Hirosuke Hitomi, scrittore squattrinato ossessionato dalla realizzazione di una utopia paradisiaca in cui trovi sfogo la sua fantasia perversa. Con uno stile di disegno estremamente raffinato, caratterizzato dalla costruzione meticolosa delle inquadrature in tavole ariose e particolareggiate, Maruo precipita lentamente verso un'esplosione di costruzioni e soluzioni fantastiche al limite dell'onirico che mescolano spudoratamente eros e thanatos. Pur senza rinunciare agli slanci ero-guro per cui è noto, riesce a ricostruire alla perfezione le ambientazioni decadenti di inizio '900, cogliendo la sottile perversione delle storie di Edogawa sotto la patina di incubi gotici debitori di Edgar Allan Poe.

 

SOLANIN (2005)

solaninConvivenza, sogni e disillusioni di una coppia di giovani post-universitari. Solanin è il manga più conosciuto e accessibile di Asano Inio, un racconto di formazione in due volumi soffuso e nostalgico, animato da personaggi stralunati e introspettivi, sospesi tra la spensieratezza di un'età passata e l'incertezza di responsabilità nebulose, prive di automatismi. I tratti quotidiani e ariosi dei primi capitoli si incupiscono gradualmente, rispecchiando i dubbi e le paure di un mondo sempre più isolato nella sua perdita di senso. Un'opera in grado di colpire nel suo sguardo minimale sulla vita.

 

KOKKO SAN (2005)

kokko_sanVolume unico dedicato a brevi storie di vita quotidiana con al centro la piccola Yayoi e il suo gallo, trovato un giorno per strada e che decide di accudire amorevolmente. Rispetto a Hiroshima: nel paese dei fiori di ciliegio, Kono Fumiyo si dedica a un tema più spensierato, ma legato ai ricordi d'infanzia, quando le capitò di allevare ben due galletti, come evoca nella breve postfazione. Kokko San, serializzato sulle pagine di Manga Time Jumbo tra il 1999 e il 2001 e raccolto in volumetto nel 2005, ha il sapore allegro delle strisce a fumetti (ogni capitolo è lungo solo otto pagine), eppure riesce a richiamare con precisione alla mente l'ingenuità e la spensieratezza dell'essere bambini.

 

HAPPINESS (2006)

happiness_furuyaFuruya Usamaru è un mangaka eclettico, che può passare dall'ambientazione storica al fantastico, dall'horror alla commedia adolescenziale, ma con una propensione verso i lati più oscuri e deragliati della psiche, nell'esposizione di violenza e sessualità alla base dei rapporti umani. In Italia è uscito per Ronin Manga il suo 51 modi per salvarla, in cinque volumi, tentativo più popolare rispetto agli esordi underground, che racconta di una catastrofe che colpisce Tokyo. Mentre le sue opere più rappresentative, come Marie no kanaderu ongaku (2001) o Litchi Hikari Club (2006) rimangono ancora inedite, Goen presenta il volume unico Happiness, raccolta di otto racconti che spaziano dal pulp all'erotico, passando per surreale e slice of life.

 

SISTER GENERATOR (2009)

sister_generatorSamura Hiroaki, noto soprattutto per il seinen ad ambientazione storica L'immortale, raccoglie in volume unico una sfuggente miniserie e sei storie brevi, apparse su rivista tra il 2003 e il 2009. Dal registro comico a quello più sottilmente erotico, dalle minute divagazioni sulla quotidianità al western, si tratta di una collezione eclettica e altalenante, impreziosita dal tratto nervoso e ricco di sfumature del disegnatore.

 

GUERRILLA HIGH (1970)

guerrilla_highUna delle prime opere di Nagai Go è arrivata in Italia in tre splendidi volumi della d/Visual, e rivela la modernità rivoluzionaria dell’autore. Pubblicata nel 1970 su Bokura Magazine (Kodansha), rivista su cui comparivano le storie di Kamen Rider e Tiger Mask, Guerrilla High è una serie dalle connotazioni molto violente, ai livelli di Abashiri Ikka, ambientata durante i moti del '68 e ispirata dal movimento studentesco che in quel periodo riempiva piazze e università. Non è la prima volta che l'autore di Devilman entra nel mondo scolastico giapponese: il suo primo grande successo è Scuola senza pudore (Harenchi Gakuen) del 1968, ma è l'unico caso in cui si fa rivoluzionario.

 

GOURMET (1997)

gourmet_taniguchiVolume unico che raccoglie diciotto frammenti della vita culinaria di un buongustaio. L'approccio da radiografia del microquotidiano ricorda L'uomo che cammina (1992), ma qui la struttura collassa, priva di un baricentro narrativo, nonostante l'apporto ai testi dell'esperto Qusumi Masayuki. Ogni episodio si limita a raccontare per raffinate immagini un piatto e un luogo, senza dare spazio a qualsiasi tipo di approfondimento o introspezione, senza sviluppare storia o personaggio, tanto che la parte più interessante rimane la postfazione in forma di racconto di Qusumi stesso.

 

AL TEMPO DI PAPÀ (1995)

al_tempo_di_papaRomanzo a fumetti in volume unico dal tono soffusamente nostalgico che racconta di ricordi e legami familiari con un tocco compassionevole memore di Ozu Yasujiro. Le illustrazioni morbide e brulicanti dettagli di Taniguchi Jiro accompagnano in un salto temporale dal Giappone d'oggi a quello appena uscito dalla seconda guerra mondiale. L'impostazione è solidamente classica, con la lenta riscoperta di sentimenti sopiti o dimenticati, ma le emozioni trapelano dalla pagina grazie alla narrazione compassata, che si prende il suo tempo per tratteggiare nei particolari i protagonisti, dai gesti quotidiani al loro sentire profondo.

 


Page 1 of 2
Share on facebook