AKAME - THE RED EYES (1961)

akame_red_eyesShirato Sanpei è noto in Italia soprattutto per le serie animate ispirate a suoi manga, L'invincibile ninja Kamui (1969) e Sasuke il piccolo ninja (1968), arrivate da noi negli anni '80, nonché per essere l'autore da cui Oshima Nagisa ha tratto il seminale Band of Ninja/Cronache delle imprese dei ninja (Ninja bugei-cho, 1967). Questo manga in un unico volume, uscito originariamente nel 1961 in due parti, e qui tradotto basandosi sulla riedizione del 1998, è ancora una volta un affresco storico ambientato nel Giappone feudale del XVI secolo.

Nobuhira è un dispotico signorotto che regna come un tiranno sulle sue terre. I contadini sono vessati in ogni modo e trattati peggio che bestie, uccisi per futili motivi o per semplice divertimento. Ogni tentativo di rivolta è sedato nel sangue, e alla povera gente non resta che rassegnarsi a una vita di dolore. Fino a quando fa la sua comparsa un vecchio monaco buddista, menomato e cieco da un occhio, che spiega come la malasorte sia una maledizione degli akame, i conigli, unica fonte di carne per la popolazione. Il monaco riuscirà a convincere i contadini a venerare gli akame, e questo avrà conseguenze imprevedibili sul futuro di Nobuhira.
Akame - The Red Eyes ha i toni di una favoletta morale, con la voce narrante che esplica gli avvenimenti, ma i risvolti sono profondi, cupi e macabri, specchio di un pessimismo beffardo. La storia della diffusione dell'"akameismo" riesce a coniugare un realismo disadorno nel ricreare il disequilibrio tra classi diverse (bushi da una parte, agricoltori dall'atra) con una riflessione inaspettatamente ambigua sul senso della predicazione, senza dimenticare un tuffo nel darwinismo e nelle sue implicazioni (il moltiplicarsi dei conigli, il conseguente aumento di predatori, la scarsità di cibo, l'epidemia). Una lezione di stile, con disegni apparentemente affrettati, in realtà perfetti nel ricreare la crudeltà dell'ambiente, e una sceneggiatura sbalorditiva per come riesce a gestire azione, divulgazione e riflessione alta sulla natura umana - tra ingenuità popolare e vendetta. Un volume da leggere (e rileggere) in un fiato, che difficilmente si dimentica.


p.s. un ringraziamento ad Andrea Fornasiero per avermi consigliato la lettura.

 


autore
: Shirato Sanpei
volumi: 1
casa editrice: Hazard Edizioni
anno: 2008
prezzo: 10,00 euro
lingua: italiano