GUARDAMI (2001)

guardamiTra voyeurismo e attrazione a distanza, una bizzarra storia d'amore tra due universitari che abitano uno di fronte all'altra. Lui, Heisaku, lavora di giorno come magazziniere e frequenta l'università serale: è attratto maniacalmente dagli interstizi, incuriosito da quanto si nasconde oltre, e per questo inizia a spiare la dirimpettaia, che non chiude mai perfettamente le tende, lasciando sempre uno spiraglio. Lei, Fumio, frequenta i regolari corsi diurni universitari, e sembra abitare in un differente universo: non è però un semplice oggetto delle attenzioni del ragazzo, dato che ama fotografarlo di nascosto nelle pose più bizzarre. Le loro strade si rincorrono e infine incontrano, tra incomprensioni e scherzi del caso.

Unita Yumi, classe 1972, è nota soprattutto per Bunny Drop, opera in nove volumi recentemente trasposta al cinema per la regia di Tanaka Hiroyuki: in questo volume autoconclusivo, prima sua opera tradotta in italiano, costruisce una storia ambigua, che non si limita a giocare con feticismo e devianza, ma riesce a descrivere un sottobosco notturno fatto di marginalità (gli studenti dell'università serale amici di Heisaku) e vuota quotidianità. Se all'inizio quello dell'attrazione per la vicina irraggiungibile appare il solito cliché da storia sentimentale adolescenziale, la mangaka è brava a districarsi con la narrazione, approfondendo a tutto tondo i personaggi e costruendo comprimari vivi e pulsanti. Il tratto è pulito e diretto, con una certa propensione alle espressioni deformate umoristiche, ma sempre attento alla costruzione dell'intera tavola. Guardami (Sukimasuki) è un racconto dal taglio consapevole e adulto, che riesce a ricreare quell'atmosfera fibrillante da primo incontro, rimanendo al contempo estremamente pragmatico, lontano dalle idealizzazioni e dalle fantasie di conquista più banali.


autore
: Unita Yumi
volumi: 1
casa editrice: Kappa Edizioni, collana Manga-San
anno: 2006
prezzo: 8,50 euro
lingua: italiano