404 Not Found

Not Found

The requested URL /track was not found on this server.

You are here:   Home Libri Narrativa Cina, HK, Taiwan Xu Xiaobin, IL SERPENTE PIUMATO (1998)

Xu Xiaobin, IL SERPENTE PIUMATO (1998)

Friday, 18 February 2011 03:07 Stefano Locati Libri - Cina, HK, Taiwan
Print

xu_serpente_piumatoCinque generazioni di donne che percorrono un secolo di storia cinese: sembra la solita saga familiare, come ci ha abituato certa letteratura cinese, in chiave femminile, ma lo spiritato romanzo di Xu Xiaobin va oltre, uno spaccato rovente della società cinese che parla di colpa, espiazione, rabbia con una forza empatica dilaniante. Percorso da intersezioni temporali e cambi repentini del punto di vista, Il serpente piumato incide a fuoco il dolore della memoria e la tragedia di un destino che si annida nel trascorrere degli anni - inframmezzando reale, sogno e fantastico con una maestria alchemica.

È la storia di Xuanming, cresciuta dai genitori come una bambola di vetro, con i piedi fasciati perché sia costretta a camminare sulle punte distrutte, bisognosa di un uomo. È la storia di sua figlia Ruomu, che prende vita frequentando l'università e arriva a tramare contro una rivale per conquistare l'uomo da cui è attratta. Ma è anche la storia di Ling, Xiao e Yu, le tre figlie di Ruomu, e di Yun'er, a sua volta figlia di Ling. Un universo femminile variopinto e stratificato, che riesce sempre a spiazzare nella sua eccentricità: nella polifonia di voci ed epoche, il canto dominante diviene comunque quello di Yu, la figlia ribelle, colei che si è macchiata di una duplice, terribile colpa, preda di visioni, la schiena tatuata con un labirintico sarpente piumato nel tentativo di espiare ciò per cui nessuno riesce a smettere di incolparla.
L'incanto delle parole di Xu Xiaobin colpisce in profondità, sprofondando progressivamente in un intreccio inesauribile di personale e universale. Un romanzo fiume, tradotto con passione dal cinese da Flavio Aulino, che cura anche le note e una postfazione storica, capace di avvincere senza ricorrere a facili stereotipi di stenti e sofferenza (che pure non mancano). Ma l'interesse non è nel pietismo o nel vuoto proclama di dolore, quanto nell'emersione di quel grido di vitalità che ogni essere umano cova dentro la sua carne. Perché, come dice la poetessa Qiu Jin, considerata la prima femminista cinese, citata nel testo, "il mio sangue ribolle e cresce la mia rabbia, / sommergerà ogni cosa come un'enorme onda azzurra" (p. 239).

 


autore: Xu Xiaobin
casa editrice: Elliot
anno: 2009
pagine: 534
prezzo: 18,50 euro
isbn: 9788861920637
lingua: italiano

sitemap

Add comment

Effettuando il login si hanno più opzioni e non è necessario inserire il captcha a ogni messaggio.
Sono vietati messaggi discriminatori, offese o insulti, spam di qualsiasi tipo, incitamento alla pirateria informatica. I commenti che non rispettano queste semplici regole saranno eliminati senza preavviso dalla redazione.

Security code
Refresh

Share on facebook